• Articolo , 19 ottobre 2010
  • Premio Città Amiche della Bicicletta: menzione speciale per l’Emilia-Romagna

  • Una menzione speciale alla Regione Emilia-Romagna all’interno del Premio Città Amiche della Bicicletta edizione 2010. L’ha ricevuto oggi a Milano, nel Palazzo Giureconsulti, l’assessore alla Mobilità e trasporti Alfredo Peri direttamente dalle mani di Bruno Pizzul, noto commentatore sportivo della Rai. La premiazione si è svolta in occasione di Mobilitytech, appuntamento nazionale e internazionale su […]

Una menzione speciale alla Regione Emilia-Romagna all’interno del Premio Città Amiche della Bicicletta edizione 2010. L’ha ricevuto oggi a Milano, nel Palazzo Giureconsulti, l’assessore alla Mobilità e trasporti Alfredo Peri direttamente dalle mani di Bruno Pizzul, noto commentatore sportivo della Rai. La premiazione si è svolta in occasione di Mobilitytech, appuntamento nazionale e internazionale su trasporto, innovazione e ambiente, dedicato quest’anno a “Le Green Technologies: Cambia il tuo modo di muoverti!”.

Soddisfazione è stata espressa dall’assessore Peri, che ha commentato: “E’ un riconoscimento per il lavoro fatto. In particolare, credo che sia stata apprezzata l’idea di una dimensione ‘regionale’ del bike sharing, e della mobilità ciclabile. L’Emilia-Romagna infatti – ha aggiunto l’assessore – è il primo esempio in Italia di una Regione che ‘raccorda’ tutte le città sul bike sharing, all’interno di uno sforzo complessivo per una mobilità sempre più sostenibile”.

“La Regione Emilia-Romagna – si legge nella motivazione per la menzione speciale all’interno della categoria “enti” – , come in altri settori, sta tracciando la strada di quella che sarà la mobilità intelligente e sostenibile del nostro futuro. Intermodalità, uso dell’elettronica, riorganizzazione di tutto il servizio regionale di trasporto pubblico integrato e la condivisione regionale di tecnologia e regole per il bike sharing meritano una menzione speciale a livello nazionale”.
La Regione difatti, nello sviluppo dell’integrazione tariffaria e modale, ha promosso il progetto di “bike sharing & ride” – denominato “Mi Muovo in bici” – grazie all’adesione dei Comuni con popolazione superiore a 50mila abitanti. “Mi Muovo in bici”, mediante l’utilizzo condiviso della smart card Mi Muovo, punta all’utilizzo di tutte le scelte tecnologiche già adottate per il progetto Stimer su tutto il territorio regionale, in modo da superare la disomogeneità dei sistemi di gestione di “bike sharing” attualmente in uso.

Per avviare il progetto “Mi Muovo in bici” la Regione ha stanziato 2 milioni di euro, e bandito una gara per l’acquisto di postazioni composte da stalli e relative biciclette: 800 quelle nuove, mentre è previsto l’adeguamento per altre 200 in uso a Parma e Reggio Emilia. La Regione si farà carico della fornitura delle bici complete di postazioni e sistema di monitoraggio in tempo reale, attraverso un rapporto di comodato gratuito con i Comuni aderenti.