• Articolo , 11 luglio 2011
  • Premio GGP 2011: ecco le eccellenze della sostenibilità

  • Sono stati nominati i vincitori della terza edizioni del Premio, indetto dal MEF e Consip Spa, rivolto ad amministrazioni pubbliche ed imprese che si sono distinte per una gestione attenta alla sostenibilità ambientale

(Rinnovabili.it) – Venerdì scorso sono stati designati i vincitori della terza edizione del Premio “Progetti sostenibili e green public procurement 2011”. Il concorso, promosso dal Ministero dell’Economia e delle Finanze (MEF) in collaborazione con la Consip Spa, e il patrocinio del Ministero dell’Ambiente, è stato ideato nell’intento di premiare le pubbliche amministrazioni e le imprese promotrici di progetti e processi di approvvigionamento basati sulla sostenibilità ambientale. Per ogni categoria prevista sono stati assegnati rispettivamente due premi: Provincia di Roma e AUSL di Rimini per le Pubbliche amministrazioni; Fater Spa e Sangalli Vetro Manfredonia Spa per la categoria Imprese. I vincitori sono stati giudicati, e scelti, da una Commissione composta da membri del Ministero dello Sviluppo Economico, Confindustria ed Enea. Ogni premio è stato assegnato in base ad una motivazione ben precisa, la AUSL di Rimini si è infatti distinta per la promozione dell’efficienza energetica, l’uso razionale dell’energia e l’impiego delle fonti rinnovabili, riuscendo in un risparmio energetico pari a 845 mila kWh di elettricità, oltre a 80 mila metri cubi di acqua e 245 mila metri cubi di gas, con relativa riduzione delle emissioni di CO2 per un totale di 1,028 tonnellate, solo nel primo anno di attuazione del suo Piano di Miglioramento della Sostenibilità. Dal canto suo la Fater Spa si è dimostrata eccellente nella scelta di politiche produttive finalizzate ad un minor impiego di materie prime, equivalente ad una minor produzione di materiali di scarto, oltre che al pieno recupero degli stessi (0% di rifiuti smaltiti in discarica). Anche la Sangalli Vetro Manfredonia Spa si è contraddistinta nell’attenzione al risparmio energetico e all’impiego delle fonti alternative, investendo oltre 1,8 milioni di euro nel fotovoltaico e nell’eolico, nonché nella realizzazione di un impianto da 2,5 MW, per il recupero termico del calore dei fumi prodotti dai forni di fusione della vetreria. Viste le numerose candidature la Commissione ha dovuto assegnare ulteriori otto menzioni speciali a causa dell’elevato livello qualitativo dei progetti partecipanti.