• Articolo , 19 maggio 2009
  • Presentato il corso “Tecnico del risparmio energetico”

  • Formerà figure altamente specializzate nel campo delle energie rinnovabile a disposizione di enti e aziende

E’ stato presentato stamani, a Palazzo San Filippo, il corso di “Tecnico del risparmio energetico e dello sviluppo eco-sostenibile” promosso dalla Provincia attraverso il centro locale per la formazione di Ascoli Piceno e finanziato con il Fondo Sociale Europeo (FSE) con l’obiettivo formare figure specializzate in grado di studiare i fabbisogni energetici di committenti privati o pubblici anche con un approccio alla salvaguardia dell’ambiente.
L’iniziativa, che rappresenta uno dei corsi più avanzati in questo settore a livello nazionale, nasce dalla stretta collaborazione tra l’Università di Camerino, l’IPSIA “Sacconi” di Ascoli, la Restart s.c.a.r.l di Ascoli e il consorzio ELMEC di San Benedetto e si rivolge a 20 diplomati, inoccupati, disoccupati o anche a coloro in possesso della sola licenza di scuola media inferiore purché con specifiche competenze nel comparto. Il corso, completamente gratuito, inizierà il 18 giugno e avrà una durata complessiva di 800 ore di cui ben 320 di stage in azienda.
“Questo corso, diretto a rafforzare la competenza delle imprese del territorio qualificando le conoscenze dei giovani in un settore altamente specifico e complesso – ha dichiarato il presidente della Provincia Massimo Rossi – costituisce un’ulteriore dimostrazione che il nostro territorio sui temi dell’energia rinnovabile è più avanti di altri. Non solo, infatti – ha proseguito Rossi – Ascoli Piceno è la prima provincia fotovoltaica delle Marche, anche grazie alla realizzazione di 22 impianti fotovoltaici nelle scuole superiori con investimenti pari a 7 milioni di euro, ma possiede un vivace tessuto imprenditoriale aperto alla innovazione e alla ricerca”.
“L’iniziativa formativa ha ricevuto dalla Regione Marche un finanziamento di oltre 100 mila euro – ha evidenziato il dirigente del Servizio Formazione professionale dell’Ente Maurilio Cestarelli – ciò dimostra che, quando sussiste una progettualità di qualità essa viene premiato, e per questo motivo, invito i soggetto pubblici e privati del territorio a moltiplicare gli sforzi per presentare proposte formative di alto profilo. In graduatoria – ha aggiunto Cestarelli – vi sono altri due importanti progetti formativi, uno riguardante la logistica navale e l’altro il comparto calzaturiero, che mi auguro siano finanziati nei prossimi mesi”.
“Il corso che presentiamo oggi – ha spiegato la dott.essa Maria Daniela D’Angelo, direttrice del Centro locale della Formazione Industriale – è un fiore all’occhiello della nostra offerta formativa e si pone a livello intermedio tra il diploma e la laurea, tanto che riconosce crediti formativi spendibili nell’Università di Camerino”.
“Il corso oltre a dare una preparazione tecnica – ha evidenziato il professor Ettore Collazzone, dirigente scolastico dell’IPSIA “Sacconi” di Ascoli – fornisce una preparazione burocratica e normativa di notevole utilità: è finita, infatti, l’epoca dell’energia facile, degli sprechi indiscriminati e delle emissioni senza controllo dei gas serra e quindi avremo bisogno di figure professionali sempre più qualificate per gestire interventi e progetti”.
“Nella Provincia abbiamo sempre trovato un interlocutore valido ed attento – ha dichiarato Bruno Bucciarelli presidente del Consorzio Restart – e questo corso avvicina ulteriormente il mondo del lavoro a quello della scuola favorendo la qualificazione dei giovani, l’occupazione e le stesse imprese”.
“Questa iniziativa accrescerà notevolmente il “know how” delle imprese e del mercato locale – ha dichiarato Giovanni Cimini, presidente del Consorzio ELMEC di San Benedetto – in un settore come quello delle energie rinnovabili ad altissima espansione, basti pensare che 4 anni fa contava 800 occupati, attualmente ne registra 150 mila e vedrà nel 2020 un incremento di 80 volte delle unità impiegate”.
Infine, nei dettagli tecnici del corso si è soffermata l’ing. Cinzia Felici, co-progettista, che ha sottolineato “la presenza di numerose lezioni dedicate alle complesse normative del settore energetico come i certificati bianchi, verdi e gli innovati emission trading”.
Si ricorda che le domande di partecipazione da spedire con raccomandata o da consegnare direttamente negli uffici entro il 30 maggio, vanno compilate utilizzando il modello disponibile presso il centro o all’indirizzo http://tinyurl.com/p3lfks. Per ulteriori informazioni è possibile contattare il centro locale di formazione allo 0736/41637 o visitare il sito internet www.clfindustrialeviacagliari.com.