• Articolo , 3 dicembre 2008
  • Prestigiacomo-Borloo: un buon incontro per l’Italia

  • In occasione dell’incontro fra il Ministro dell’Ambiente italiano e quello all’Ecologia francese è stata riscontrata una nuova apertura della Presidenza nei confronti di alcune rishieste avanzate dall’Italia in merito al pacchetto clima-energia

Quasi a conferma delle dichiarazioni di ieri del Ministro dell’Ambiente Stefania Prestigiacomo, nell’ambito della giornata franco-italiana sui cambiamenti climatici, arriva una ventata di cauto ottimismo in merito alle richieste di revisione del pacchetto clima-energia presentato dall’UE avanzate dal Governo italiano. In seguito all’incontro con il suo omologo francese, il Ministro dell’Ecologia Jaen-Louis Borloo, il Ministro Prestigiacomo riscontra una nuova disponibilità su alcuni punti chiave delle richieste italiane relative agli aspetti delle direttive che apparivano gravemente penalizzanti per l’Italia. Fra i punti verso i quali la presidenza francese mostra una maggiore apertura vi sono quelli relativi ai permessi di emissione per alcuni settori manifatturieri molto soggetti alla concorrenza straniera ed al rischio di delocalizzazione, l’uso dei crediti già maturati all’estero da imprese italiane e ciò che concerne le fonti rinnovabili. L’auspicio ora è quello che la disponibilità del Governo italiano a collaborare con la Presidenza per chiudere il pacchetto venga accolta positivamente anche dalla Commissione e dal Parlamento Europeo. All’incontro fra i due ministri, positivo secondo il Ministro italiano, è seguita una lunga riunione tecnica che ha consentito di fare significativi passi avanti in direzione di un’intesa sul pacchetto clima-energia. Il tavolo del negoziato si sposterà nelle prossime ore Bruxelles dove si terrà il Vertice dei Ministri dell’Ambiente dell’Unione Europea.