• Articolo , 28 settembre 2009
  • Prestigiacomo: il futuro si chiama ‘green economy’

  • Il ministro dell’Ambiente, Stefania Prestigiacomo, è intervenuta nel corso del convegno sul clima in Campidoglio sottolineando che solo la green economia può salvarci dal fallimento “ambientale”

(Rinnovabili.it) – Il ministro dell’Ambiente, Stefania Prestigiacomo, era presente al convengo ‘Verso Copenaghen: come cambia il clima’ svoltosi a Roma in Campidoglio per ricordare che ”la green economy non è una delle scelte possibili ma è l’unico modello praticabile per i prossimi anni”.
Il ministro è intervenuta sottolineando che all’incontro di New York ci sono stati segnali positivi, soprattutto dalla Cina, intenzionata a cambiare la propria politica rendendola ecosostenibile.
In un momento delicato per la questione climatico-ambientale e mentre si avvicina il Summit di Copenhagen, le promesse sono molte. L’auspicata svolta porta con seè delle premesse anche se non sono affatto chiare le posizioni di alcuni Paesi, rendendo in tal senso difficile la strada da percorrere anche a causa de “le posizioni non chiare di Paesi come India, Brasile e Messico sul fronte dello sviluppo sostenibile. La partita è legata ai finanziamenti dei paesi sviluppati e c’è bisogno che questi fondi non si disperdano”.