• Articolo , 25 febbraio 2008
  • Primo volo alimentato con le noci di cocco

  • Per la prima volta un’aerolinea commerciale ha volato dall’Inghilterra all’Olanda utilizzando una miscela di biocarburanti, anticipando così lo start-up del programma pro riduzioni CO2 della Virgin Atlantic

Il 1 febbraio aveva fatto notizia l’Airbus A380, che aveva viaggiato da Filton, vicino Bristol, fino a Tolosa, con un pieno di biocombustibile sintetico. Ieri invece è decollato 747-400 GV-WOW della Virgin Atlantic, il primo volo in assoluto di un’aerolinea commerciale ad utilizzare biocarburanti naturale. Il Boeing 747, pilotato da Geoff Andreasen, viaggiava con quattro motori, uno con carburante biologico (una miscela di olio di cocco e di babassu elaborato dalla Imperium Renewables) e gli altri tre convenzionali. Secondo quanto annunciato precedentemente, il volo, senza passeggeri, è decollato dall’aeroporto londinese di Heathrow ed è atterrato ad Amsterdam. Secondo il miliardario Branson il volo odierno rappresenta “un punto di inversione” perchè il carburante impiegato arriva da fonti “effettivamente sostenibili” e che pertanto non mettono a rischio le riserve naturali destinate alla produzione di cibo. Unico neo, il biocarburante congela alle basse temperature, ma la Virgin è fiduciosa che i problemi tecnici possano essere facilmente risolti e tra una decina d’anni le linee aeree potrebbero tutte utilizzare questi combustibili.