• Articolo , 16 dicembre 2009
  • Proposta EWEA per l’armonizzazione delle regole di connessione alla rete

  • Norme armonizzate potrebbero abbassare i costi di produzione dell’energia eolica costi, contribuire a una gestione efficiente della rete di distribuzione, alleggerire la bolletta elettrica dei consumatori

Regole chiare e armonizzate per la connessione alla rete elettrica sono necessarie visto il notevole aumento della penetrazione dell’energia eolica in Europa. L’EWEA(European Wind Energy Association), in qualità di rappresentate europeo dell’industria di settore è forte sostenitrice di tale convinzione ed ha reso pubblico il “Generic Grid Code Format”:http://www.ewea.org/fileadmin/ewea_documents/documents/publications/position_papers/091210_EWEA_Harmonising_Europes_GCs_for_the_Connection_of_Wind_Power_Plants.pdf, documento di proposta in cu si accolgono il lavoro svolti dall’Entso-E, la Rete europea dei gestori dei sistemi elettrici, e che fornisce un codice di armonizzazione strutturale per le regole di connessione degli impianti eolici. “L’energia eolica copre attualmente oltre il 4% dell’elettricità dell’UE e ci aspettiamo che condividere tale percentuale arrivi al 16% nel 2020. Al fine di garantire che tali livelli futuri di accesso siano gestibili da un punto di vista tecnico è importante elaborare norme chiare su tutto il territorio Ue”, ha spiegato Paul Wilczek, Regulatory Affairs Advisor dell’Associazione.
Attualmente in Europa ogni paese fissa le proprie specifiche tecniche di connessione alla rete elettrica per i produttori di energia. “Il modo in cui i singoli requisiti normativi di connessione alla rete si sono sviluppati ha comportato colossali inefficienze e costi aggiuntivi per consumatori, produttori e progettisti delle wind farm”, continua Wilczek. “La razionalizzazione del funzionamento del sistema attraverso l’armonizzazione e una maggiore trasparenza creerà chiaramente una situazione vantaggiosa sia per i produttori di turbine, che per impresari e gli operatori della rete”. Intanto Entso-E prevede di pubblica e un primo progetto, in tal senso, nella primavera del 2010.