• Articolo , 7 settembre 2010
  • Proteus, dalle maree 1 milione di kWh l’anno

  • Un catamarano della lunghezza di 20 metri sarà in grado, grazie ad una turbina da 6 metri, di produrre 1000 MWh all’anno rimanendo competitivo sul mercato rispetto al prezzo di quanto prodotto dal settore dell’eolico e garantendo una generazione costante

(Rinnovabili.it) – Olanda e Gran Bretagna, impegnate a favore dello sviluppo della tecnologia per lo sfruttamento delle maree, stanno avviando un progetto da un milione di chilowattore l’anno. Si tratta di *Proteus NP1000*, un catamarano con una lunghezza di 20 metri e un peso di 150 tonnellate che verrà messo alla prova sull’estuario dei fiumi Ouse e Trent, nell’Inghilterra centro-orientale. La turbina ad asse verticale posizionata al centro del prototipo sarà in grado di sfruttare sia le potenza dell’alta che della bassa marea e verrà collegata a due generatori a corrente continua.
“Il prototipo – ha riferito Michiel Wijsmuller, direttore esecutivo della società olandese – può produrre 1 milione di kWh l’anno, e ci sono centinaia di estuari idonei alla sua applicazione nel mondo. I costi del nuovo modello sono competitivi con quelli dell’energia eolica, con in più il vantaggio di un rifornimento di energia regolare e non intermittente”. “Non ci sono moltissime idee innovative su come trasformare l’energia marina in potenza utilizzabile all’interno della rete dell’energia. Tuttavia, occorre una salda conoscenza di ingegneria marina e l’esperienza nella progettazione per trasformare queste idee nuove in pratiche soluzioni realizzabili, e qui entra in gioco la OSD”.
Le due società, la olandese Offshore Ship Designer (“OSD”:http://www.offshoreshipdesigners.com/) e l’inglese Neptune Renewable Energy (“NREL”:http://www.neptunerenewableenergy.com/) hanno lavorato sul progetto originale redatto dall’Università britannica di Hull e studiato per l’estuario dell’Humber, come sottolineato da Wijsmuller “Sia la progettazione di base che la dettagliata del concept brevettato dalla NREL sono state sviluppate negli uffici dell’OSD-IMT nel Regno Unito. Il costo del capitale di destinazione per ogni megawatt di capacità del dispositivo di generazione di energia è molto competitivo con la generazione di energia eolica e, a differenza del vento, la potenza delle maree è continua e non intermittente”.