• Articolo , 15 maggio 2007
  • Prova per newsletter Toscana

  • h4{color:#D3612B;}. A Firenze la nostra “Terra Futura” *14/05/07* – *Firenze* – La Fortezza da Basso di Firenze ospiterà, dal 18 al 20 maggio, la quarta edizione di Terra Futura, la mostra-convegno dedicata ai temi della sostenibilità ambientale, economica e sociale. Quattro saranno quest’anno le tematiche attorno alle quali ruoteranno un gran numero di incontri, tavole […]

h4{color:#D3612B;}. A Firenze la nostra “Terra Futura”

*14/05/07* – *Firenze* – La Fortezza da Basso di Firenze ospiterà, dal 18 al 20 maggio, la quarta edizione di Terra Futura, la mostra-convegno dedicata ai temi della sostenibilità ambientale, economica e sociale. Quattro saranno quest’anno le tematiche attorno alle quali ruoteranno un gran numero di incontri, tavole rotonde e stand espositivi: Abitare, Produrre, Coltivare, Agire.
L’evento vuole farsi portavoce di uno stile di vita eco-compatibile in ogni aspetto della quotidianità: dalla mobilità agli acquisti, dai servizi alla solidarietà, dalle abitazioni al turismo. Per il programma dettagliato della manifestazione consultare il sito “www.terrafutura.it”:http://www.terrafutura.it
(fonte TerraFutura.it)

Regione Toscana: Presidente e assessore concordi

h4{color:#D3612B;}. La sostenibilità nasce dalle scelte quotidiane e si affronta su vari fronti

_Il Presidente Martini che aprirà il 18 maggio alla Fortezza la IV edizione di Terra Futura, asserisce che la sostenibilità ambientale passa per un cambiamento della società. Per l’assessore all’ambiente Artusa, si tratta infatti di: ‘una sfida che stiamo affrontando su tanti fronti con azioni concrete’_

*14/05/07* – *Firenze* – “Un appuntamento per tutti coloro che vedono in un modello diverso di sviluppo l’unica speranza di sopravvivenza per il nostro pianeta – afferma il Presidente della regione Toscana, Claudio Marini – una grande occasione di confronto e dibattito politico, culturale, ambientale, e al tempo stesso un contenitore straordinario di esperienze pratiche di sostenibilità che dimostrano che già ora uno sviluppo sostenibile è possibile”. Parlando della tre giorni, Martini ha voluto evidenziare come oggi il tema fondamentale è quello del lavoro, osservando che Terra Futura offrirà anche una occasione importante per chiedersi quali opportunità e risposte il mondo del lavoro può dare ai grandi temi della sostenibilità che tagliano trasversalmente tutti i settori di intervento delle politiche regionali. ‘Dobbiamo tutti insieme ripensare il lavoro – ha proseguito Martini – la produttività, i consumi e gli stili di vita non devono essere un ostacolo alla possibilità di garantire a tutti equità, giustizia e accesso ai beni comuni. Il tema lavoro va affrontato in un’ottica globale, va disinnescato il nesso tra aumento del consumo di risorse e crescita economica e sociale, senza dimenticare che la sostenibilità si costruisce ogni giorno a partire dalle scelte di vita quotidiana”.
E proprio la sostenibilità è la sfida che la regione Toscana sta affrontando in numerosi ambiti. Su questo è intervenuto l’assessore all’Ambiente Marino Artusa. “Un dato è certo: lo sviluppo sostenibile è l’unico che permette sviluppo di nuovo lavoro e di nuova occupazione. Cito solo un dato: in Germania il settore delle rinnovabili dà lavoro a circa 180.000 persone. In Italia, paese del sole, oltre che del vento e della geotermia, si arriva solo a 3000. E’ un mercato che dobbiamo sviluppare. E la Toscana ha tutte le carte in regola per dare un contributo d’avanguardia”.

h4{color:#D3612B;}. La Provincia si attiva nominando l’ Apea per un controllo energetico di scuole e uffici

*14/05/2007* – *Siena* – Importanti sono gli obiettivi che si è posta la provincia di Siena: verranno monitorati, ad opera della Apea (Agenzia provinciale per l’energia e l’ambiente), i rendimenti energetici di tutti gli istituti scolastici, delle sedi e degli uffici amministrativi di proprietà, per determinare i potenziali interventi di risparmio ed azioni per ricondurre gli edifici stessi a condizioni di efficienza. Il secondo impegno della Provincia è volto a contribuire alla lotta contro le emissioni inquinanti, grazie all’installazione di caldaie ad alta efficienza energetica, classificate a tre o quattro stelle. E’ stato messo a disposizione un fondo ad esaurimento di 100.000 euro per la costituzione e l’adeguamento delle caldaie negli edifici residenziali del territorio della provincia. E’ stata poi prorogata al 30 giugno la scadenza del bando degli incentivi per l’installazione di impianti solari termici relativamente agli enti pubblici. Sul fronte privato dello stesso bando il fondo si sta ormai esaurendo. Il progetto, prevedeva due linee di co-finanziamento: una per gli enti pubblici, attuata direttamente dalla Provincia di Siena, l’altra per i privati, che si attiva attraverso il Comune di residenza. Il sostegno finanziario è pari al 50% del costo dell’impianto per gli enti pubblici e al 25% dell’imponibile per i soggetti privati. (fonte provincia.siena.it)

h4{color:#D3612B;}. Toscana: 4,6 milioni per la mobilità sostenibile

*14/05/2007* – *Firenze* – Con un decreto del ministro dei Trasporti di concerto con quello dell’Economia e delle Finanze, sono stati destinati alla Regione Toscana 4,6 milioni di euro per l’acquisto e la sostituzione di mezzi di trasporto pubblici più sostenibili, soprattutto per quelli a trazione elettrica impiegati nei collegamenti all’interno dei centri storici e nelle isole pedonali. La notizia arriva in seguito all’accordo contro l’inquinamento atmosferico, promosso dalla Regione, che vede come protagonista proprio la mobilità sostenibile. (fonte Greenreport)

h4{color:#D3612B;}. Toscana: occhi puntati sull’emergenza idrica

*14/05/2007* – *Firenze* – È iniziata oggi a Firenze la Conferenza regionale sull’emergenza idrica. Secondo le previsione del Lamma, il laboratorio meteo della Regione Toscana, la prossima estate sarà molto calda e c’è il rischio di un deficit idrico pari a 3.200 milioni di metri cubi di acqua. Secondo Erasmo D’Angelis, presidente della Commissione Territorio e Ambiente del Consiglio Regionale della Toscana, la situazione è molto critica e richiede opportune scelte politiche: una strategia di lungo termine che intervenga sulle cause dei cambiamenti climatici e una strategia immediata che intervenga sulle cause degli sprechi idrici. Anche per l’assessore all’Ambiente Marino Artusa, la situazione ‘è preoccupante’, vista la riduzione delle pioggie del 19% negli ultimi 10 anni. ‘Soprattutto nelle province di Lucca, Pistoia, Arezzo, Siena e parte delle province di Firenze e Grosseto, vi è stato un minore apporto di piogge, con oscillazioni tra -10% nella provincia di Massa ed il -25% di Arezzo, rispetto all’ultimo decennio. (…) In provincia di Firenze, rispetto alla media decennale, è piovuto in meno nella quantità di 615 milioni di mc, ovvero l’equivalente di quasi 9 invasi tipo Bilancino in meno, oppure quasi otto in meno rispetto al 2002-03’, ha dichiarato l’assessore. (fonte Adnkronos, Ansa)

h4{color:#D3612B;}. La Provincia di Firenze propone la prima “Fiera dell’energia”

*11/05/2007* – *Vaglia* *(FI)* – Dall’ 1 al 3 giugno, presso il Parco Mediceo di Pratolino, si terrà la “Fiera dell’energia”, promossa dall’amministrazione provinciale di Firenze e organizzata dall’Agenzia Fiorentina per l’Energia, per diffondere e divulgare soluzioni concrete e prospettive sul tema energetico. L’invito è rivolto agli enti pubblici, alle associazioni di categoria, al mondo della ricerca e dell’università. Saranno inoltre presenti espositori, artigiani e produttori locali di attrezzature. All’interno della Fiera avrà luogo un corso gratuito di autocostruzione di pannelli solari termici. Per chi fosse interessato all’evento può contattare l’Ufficio Energia al seguente indirizzo internet: energia@provincia.fi.it. (fonte Agenzia fiorentina per l’energia)

h4{color:#D3612B;}. Massa Carrara: 100.000 euro per edifici passivi ed energeticamente efficienti

*11/05/2007* – *Massa Carrara* – La provincia di Massa-Carrara ha pubblicato un bando con il quale mette a disposizione 100.000 euro per la concessione di contributi destinati alla progettazione, realizzazione e ristrutturazione di edifici ecocompatibili ed energeticamente efficienti. L’obiettivo è realizzare costruzioni passive a basso consumo energetico che rappresentino un esempio da seguire per il territorio provinciale. Saranno finanziati gli interventi che prevedono un approccio integrato, per il contenimento della domanda di energia e di acqua nell’edifico, la massimizzazione dell’efficienza degli impianti energetici e l’ottimizzazione del sistema. Le domande potranno essere presentate fino al 31 maggio 2007. (fonte Provincia di Massa-Carrara)

h4{color:#D3612B;}. Un convegno sull’efficienza energetica in edilizia

*11/05/07* – *Firenze* – Martedì 15 maggio alle ore 15:30 al Saschall di Firenze è previsto un convegno su “L’efficienza energetica in edilizia”. Organizzato dalle associazioni ambientaliste Amici della Terra-Toscana e Forum Energia con il supporto della pubblica amministrazione, l’evento si propone di dare una risposta alle domande più frequenti relative al risparmio energetico nel settore dell’edilizia: come consumare meno elettricità e gas, quali sono i materiali e gli impianti migliori, in che cosa consistono gli sgravi fiscali e con che modalità vi si può accedere. Al termine della conferenza è previsto un dibattito nel quale i tecnici e gli esperti del settore presenti saranno a disposizione del pubblico per rispondere a specifiche domande.(Fonte Viaroma100.net)

h4{color:#D3612B;}. Monteverdi: dice si ai “ventilatori eolici”

*10/05/2007* – *Monteverdi* *(PI)* – In seguito all’eccellente risultato (89% dei voti a favore), il paese si doterà di una centrale eolica che sorgerà tra Monte Canneto e Poggio Ricciardo. La società danese Ap Consult, che costruirà l’impianto, si è persino vista proporre dal Sindaco un incremento di potenza: dieci generatori da due megawatt, invece dei previsti 14 o 16 da 850 megawatt ciascuno. Il risultato che si vuole ottenere prevede di sfruttare il vento per finanziare la geotermia delle due centrali dell’Enel presenti. Con le royalty si potrà abbassare la bolletta elettrica, avere sgravi fiscali e soprattutto ripagare l’impianto di teleriscaldamento che verrà alimentato con la geotermia. (fonte ilSole24ore.it)

h4{color:#D3612B;}. Toscana: l’accordo antismog funziona e abbassa i livelli di polveri sottili

*10/05/2007* – *Firenze* – I sedici comuni toscani che hanno firmato nel 2004 l’accordo antismog, sono riusciti nell’intento di far decrescere la concentrazione media giornaliera di Pm10, (50 microgrammi a metro cubo) e il numero totale dei giorni in un anno nei quali si è superato il valore consentito di concentrazione media giornaliera è sceso. Si è passati infatti da 947 complessivi del 2002 a 614 nel 2006. E’ diminuito anche il numero delle postazioni che, nel corso dei cinque anni di registrazione dei dati, ha superato il valore limite annuale di Pm10 ( 40 microgrammi al metro cubo), passando da cinque (su sedici) nel 2002 a tre nel 2006. (fonte Ruoteperaria.it)

h4{color:#D3612B;}. Toscana: trenta i Comuni nella lotta all’inquinamento atmosferico

*10/05/2007* – *Firenze* – La Regione Toscana ha presentato un piano anti-inquinamento, che prevede lo stanziamento di 4 milioni e mezzo di euro l’anno con l’obiettivo di ridurre le emissioni inquinanti e prevenire i fenomeni di inquinamento atmosferico nelle aree urbane. All’accordo hanno oggi aderito trenta Comuni toscani, che si sono impegnati a presentare un piano di azione comunale (Pac) per ridurre le emissioni di Pm10, azoto, benzene e ozono. L’accordo prevede l’incentivazione del solare e del termico per gli impianti di riscaldamento, l’utilizzo delle migliori tecnologie oggi disponibili per 342 grandi aziende, e lo sviluppo della mobilità sostenibile, con la limitazione della circolazione dei mezzi più inquinanti, l’incentivazione dei biocarburanti e l’istituzione delle domeniche ecologiche. La Regione ha infatti assegnato alle province anche 126 milioni di euro per il rinnovo e il potenziamento del parco autobus, di cui 118 per acquistare nuovi autobus e sostituire quelli in esercizio da più di 15 anni. Grazie all’iniziativa, finora è stato rinnovato il 30% del parco mezzi.
‘La mobilità è il principale settore di intervento, e un’attenzione particolare viene rivolta proprio al trasporto pubblico locale con la promozione, in collaborazione con il settore regionale trasporti, della installazione di sistemi di depurazione fumi sui veicoli diesel, l’attivazione di tutti i meccanismi per potenziare e rinnovare il parco veicoli con mezzi non inquinanti e l’istituzione di un bollino blu semestrale relativo ai mezzi di trasporto pubblico locale, oltre naturalmente alle limitazioni per gli autobus inquinanti che non possono circolare le domeniche nel 2007 e per ben tre giorni nel 2008’. È quanto ha dichiarato l’assessore all’Ambiente, Marino Artusa, in occasione della firma dell’accordo da parte dei trenta Comuni. E ha concluso che ‘quanto alla proposta di tasse di circolazione modulate sul livello di inquinamento del singolo veicolo è certamente un argomento da approfondire e di sicuro interesse che ha già trovato spazio nel Praa’. (fonte Viaroma100.net)

h4{color:#D3612B;}. Regolamento edilizio “sostenibile”: le imprese edili si interessano e si interrogano

*09/05/2007* – *Prato* – In seguito all’introduzione di parametri più elevati, rispetto alle indicazioni delle normative regionali e nazionali, il comune ha inserito, all’interno del suo regolamento edilizio (allegato K), incentivi per chi si adeguerà ai parametri e penalizzazioni per chi non raggiungerà i limiti minimi cittadini. Il presidente della sezione Edili dell’Unione industriale, Moreno Torri, ha però sottolineato come, se da un lato gli industriali si dimostrano sensibili a problemi attuali come quello del risparmio energetico e idrico, hanno anche delle perplessità sui tempi di attuazione, visto che l’entrata in vigore è prevista per il 19 maggio. (fonte Pratoblog.it)

h4{color:#D3612B;}. Arezzo: occhi puntati sulle agroenergie

*07/05/2007* – *Arezzo* – Si è conclusa ieri la seconda edizione di “Agroenergie 2007”, la manifestazione nazionale sulle energie rinnovabili di origine agricola, promossa e organizzata da Arsia, Agenzia della Regione Toscana per lo Sviluppo e l’Innovazione nel settore Agricolo-forestale, Toscana Promozione e Centro Affari di Arezzo, con il co-finanziamento di alcuni enti locali e la collaborazione tecnica di Aiel (Associazione italiana energie agroforestali) e Paulownia Italia. Con oltre 3000 visitatori in soli tre giorni e 70 espositori, alla fiera sono state approfondite le tematiche riguardanti il settore delle energie rinnovabili di provenienza agricola e forestale, biocarburanti e biogas, le bioenergie, le novità rivolte agli enti pubblici e agli utenti, le aziende leader, con momenti di approfondimento tecnico, politico e scientifico. Alla manifestazione sono state messe in sinergia tutte le filiere agrienergetiche, dalla produzione all’utilizzo delle diverse biomasse agricolo forestali. È stato presentato, inoltre, “Icaro Balcony”, il nuovo collettore solare termico con una forma molto compatta, grazie alla quale risulta facilmente applicabile sulle ringhiere dei balconi, con un impatto visivo praticamente nullo.(fonte Ansa, Arezzoweb.it)

Per una edilizia urbana sostenibile

h4{color:#D3612B;}. Artusa: consumi energetici delle case, la Toscana si prepara per la certificazione

_L’assessore all’ambiente della regione Toscana, ad “Agrienergie” annuncia il via alla certificazione del consumo di energia delle abitazioni confermando l’attenzione che la regione e in particolare il suo assessorato danno alla politica energetica fondata sul risparmio, sulle fonti rinnovabili e ora anche sull’efficienza del consumo domestico_

*07/05/07* – *Arezzo* – Nella certificazione energetica degli edifici, la Toscana è la prima regione in Italia (solo dopo la provincia autonoma di Bolzano) che sta per inaugurare il regolamento che obbligherà i nuovi edifici a certificare i consumi energetici delle abitazioni, come contemplato nella normativa regionale (legge 39 del 2005), che recepisce la precedente direttiva europea del 2002. Per gli edifici già esistenti, invece, l’obbligatorietà scatterà solo in caso di compravendita. L’assessore Artusa ha illustrato l’iniziativa nel suo intervento ad Agrienergie ad Arezzo, specificando che gli uffici della giunta stanno lavorando anche ad un sistema di certificazione ambientale volontaria degli edifici, sfrutando le linee guida per quanto riguarda l’edilizia sostenibile gia da tempo approvate dalla Regione. Marino Artusa ha poi proseguito definendo questo passo “un percorso innovativo e all’avanguardia che colloca la nostra regione al livello degli standard europei”. Aggiungendo poi che le agrienergie costituiscono “un bacino energetico, un aiuto al reddito degli agricoltori e un contributo all’assetto idrogeologico del territorio e alla difesa del paesaggio rurale. Il loro sviluppo è pertanto centrale per le politiche regionali da più punti di vista, e in particolare da quello energetico, perché contribuisce al risparmio di energia prodotta con fonti fossili, allo sviluppo delle fonti rinnovabili e alla lotta contro i cambiamenti climatici che la Regione Toscana ha ingaggiato con il suo nuovo piano di azione ambientale. Utilizzare le biomasse legnose (e rinnovabili) per produrre energia, sfruttando il calore per il teleriscaldmento, contribuisce all’abbattimento delle emissioni di gas serra in atmosfera. Per questo la voce biomasse ha un ruolo di rilievo nel piano energetico regionale in corso di lavorazione”.
“Va posta dunque attenzione – ha proseguito Artusa – a tutti gli impatti, compreso quello sulla salute degli abitanti, ed è necessario trovare un rapporto equilibrato con le colture tradizionali su territori sempre più vocati all’agriturismo e alla produzione di qualità e di prodotti tipici, nonché con il paesaggio rurale, e puntare a ricadute positive sulle popolazioni locali, in particolare lungo tutta la filiera agricola”.
“La nostra regione – ha detto Artusa – non sarà mai corresponsabile della deforestazione di uno degli ultimi santuari della biodiversità come le foreste del Borneo. Per produrre olio di palma si stanno distruggendo le foreste equatoriali: una vera assurdità ed un crimine ambientale. La Toscana difende l’ambiente non solo a casa propria, ma anche nel resto del mondo”. Infine Artusa ha assicurato che il Piano di indirizzo energetico regionale terrà conto delle biomasse per la produzione di biogas. (fonte Agrienergie)

h4{color:#D3612B;}. Nasce la “Settimana dell’energia” promossa dai Verdi

*07/05/07* – *Livorno* – I Verdi lanciano la “Settimana dell’energia” che, spiegano gli organizzatori, “nasce con l´obiettivo di approfondire la questione energetica, guardando in particolare alle nuove frontiere delle energie pulite e rinnovabili”. L’iniziativa comprende due convegni e la presentazione di un dossier inedito sul rigassificatore di Livorno. Il primo convegno dal titolo “A Livorno il sole ci dà una mano – che intende promuovere la Legge Regionale n. 219 del 02/05/2006 sulla produzione di energia da fonti rinnovabili, nasce dall’esigenza di diminuire i costi energetici a fronte della forte crescita della domanda. Lo strumento finanziario indicato è quello del Fondo di Garanzia destinato ad attivare mutui bancari agevolati a favore di Imprese, Enti Pubblici e cittadini toscani. L’evento, che riguarderà tutti gli aspetti dei consumi, della produzione e della trasmissione, intende rivolgersi oltre che ai tecnici delle amministrazioni comunali anche ai professionisti e agli operatori del settore.
Nella mattinata di Sabato 15 maggio si parlerà invece di “Rigassificatori e questione energetica – Ascoltiamo chi è contrario ai rigassificatori”. Previsti tra gli altri gli interventi di Grazia Francescano, capogruppo Verdi in Commissione Ambiente alla Camera, Alessandro Metz dell´Esecutivo nazionale dei Verdi, Alessandro Giannì responsabile della Campagna Mare di Greenpeace, e dei rappresentanti dei Comitati contro i rigassificatori di Rovigo, Livorno, Pisa, Trieste, Brindisi, Taranto e Rosignano. (fonte Greenreport, Ecquologia.it)

h4{color:#D3612B;}. Patto tra Province e Regione per l’educazione ambientale

*07/05/07* – *Firenze* – Gianfranco Simoncini, assessore regionale all’Istruzione, al termine della conferenza di educazione ambientale, indetta nel Parco di Pratolino dalla Provincia di Firenze, ha invitato a “fare sistema” per quanto attiene al complesso e fondamentale tema della sensibilità ambientale. L’obiettivo, ha spiegato l’Assessore all’ambiente della Provincia di Firenze, Luigi Nigi, è quello di creare “una rete di reti” che possa coinvolgere i centri e i laboratori presenti sul territorio e che faccia capo ad un soggetto già sperimentato che li gestisca. All’interno di “Terra Futura”, che si terrà a Firenze il prossimo 18 Maggio, è stato organizzato un seminario per discutere la bozza di una “carta” tra Province e Regione che dovrebbe agevolare l’inserimento dell’educazione ambientale all’interno delle politiche regionali. (fonte InToscana)