• Articolo , 18 giugno 2008
  • Provincia Grosseto e BMPS insieme finanziano progetti

  • Finanziamenti ai privati cittadini e alle piccole e medie imprese che investono in impianti per migliorare il risparmio energetico e per l’uso delle fonti rinnovabili. E’ questo l’oggetto di un protocollo d’intesa sottoscritto dalla Provincia di Grosseto con Banca Toscana e Monte dei Paschi, come Gruppo bancario Mps, proprio per favorire, si legge nel documento […]

Finanziamenti ai privati cittadini e alle piccole e medie imprese che investono in impianti per migliorare il risparmio energetico e per l’uso delle fonti rinnovabili. E’ questo l’oggetto di un protocollo d’intesa sottoscritto dalla Provincia di Grosseto con Banca Toscana e Monte dei Paschi, come Gruppo bancario Mps, proprio per favorire, si legge nel documento “le iniziative della Provincia finalizzate a promuovere lo sviluppo delle energie rinnovabili e delle tecnologie per il risparmio energetico, aventi l’obiettivo di migliorare la bilancia energetica, tutelare l’ambiente e migliorare la qualita’ della vita”. Il Protocollo e’ stato presentato questa mattina alla stampa dall’assessore all’Ambiente, Giancarlo Farnetani, il direttore territoriale della Banca Monte dei Paschi, Pietro Mascagna, il direttore territoriale della Banca Toscana, Massimo Spessot, il responsabile commerciale di Area della Banca Toscana, Rodolfo Abatangelo. L’accordo riguarda sia i sistemi di risparmio (caldaie a condensazione, sistemi di riutilizzo del calore, interventi di coibentazione, ecc.) sia gli impianti che utilizzano fonti rinnovabili (eolico, fotovoltaico, a biomasse, ecc). Il finanziamento ai privati cittadini non dovra’ superare i 20 mila euro, che salgono a 50 mila per gli impianti fotovoltaici. Diverso il caso delle piccole e medie imprese, per le quali in finanziamento massimo consentito e’ di 1 milione e 500 mila euro, che puo’ arrivare a 5 milioni per il fotovoltaico. Possono essere ammessi al finanziamento impianti solari termici (ad uso civile, residenziale ed industriale); solari fotovoltaici connessi alla rete elettrica nazionale; sistemi di pompaggio dell’acqua alimentati da fotovoltaico; impianti eolici; di riscaldamento e cogenerazione a biomasse; di produzione e raccolta di biomasse agro-forestali; di teleriscaldamento alimentato da fonti rinnovabili; impianti idroelettrici e per l’utilizzo del calore geotermico. Inoltre possono essere finanziati interventi per il recupero di calore residuo, per la coibentazione, per l’impiego di macchinari con una piu’ elevata efficienza energetica, fino alla sostituzione dei sistemi di illuminazione, la realizzazione di reti di distribuzione di energia rinnovabile, progetti di ricerca e sviluppo connessi alle energie rinnovabili ed al risparmio energetico.