• Articolo , 21 marzo 2011
  • Raee: l’Italia 2010 superata l’obiettivo Ue di raccolta pro capite

  • L’anno passato ha riconfermato il trend positivo nella raccolta nazionale e regionale dei rifiuti elettrici. A raccontare come e perché il Rapporto Annuale che verrà presentato domani a Roma

(Rinnovabili.it) – Va avanti spedita l’Italia dei RAEE. Lo confermano le prime anticipazioni del *Rapporto Annuale 2010* sul sistema di ritiro e trattamento dei rifiuti elettrici ed elettronici che verrà presentato formalmente domani a Roma presso la Sala delle Conferenze di Piazza Montecitorio 123/.
In attesa del documento ufficiale Danilo Bonato, presidente del Centro di Coordinamento RAEE, presenta i primi dati riguardanti l’anno passato; anno che, dopo il decreto “uno contro uno” ha visto il BelPaese confermare il trend di crescita nella raccolta nazionale e regionale con un soddisfacente *più 27% rispetto al 2009* ed addirittura raggiungere e superare un importante obiettivo europeo.
La normativa comunitaria infatti ha fissato in ambito del riciclo pro capite dei rifiuti elettronici l’obiettivo di 4 kg/ab, che gli italiani sono riusciti a far divenire *4,07 kg/ab*.
“In soli due anni – spiega Bonato, – il sistema RAEE affidato ai produttori e avviato sotto la regia del Centro di Coordinamento, ha raddoppiato le tonnellate di rifiuti elettronici domestici riciclati in Italia, passando da 2 a 4 chilogrammi per abitante e raggiungendo così un importante traguardo europeo”. Il Rapporto, in cui verrà analizzato l’andamento della raccolta e della gestione dei RAEE partendo dai dati nazionali, regionali e provinciali, sarà svelato in ogni suo dettaglio domani alla presenza oltre che dei rappresentanti del CdC RAEE, di Filippo Bernocchi, Vicepresidente ANCI, Delegato ANCI ai Rifiuti e all’Energia, Gianluca Cencia, Direttore Federambiente, Andrea Fluttero, Segretario XIII Commissione Territorio, Ambiente e Beni ambientali – Senato della Repubblica.