• Articolo , 30 maggio 2009
  • Ragusa, più di cento partecipanti al seminario Cna

  • Presente il presidente nazionale Franco Bianchi

Oltre un centinaio i partecipanti al seminario promosso dall’Unione installazione e impianti della Cna e tenutosi questa mattina presso la sala conferenze di via Psaumida a Ragusa. I componenti del Comitato elettrotecnico italiano, Salvatore Campobello e Francesco Groppi, si sono soffermati ad analizzare le novità normative e legislative nel settore elettrico oltre a chiarire i termini della progettazione, installazione e verifica di un impianto fotovoltaico. In un quadro di emergenza energetica, il seminario ha cercato di coniugare il complesso quadro delle regole con la necessità di produrre ed installare correttamente tali tecnologie.
Significativo, in tal senso, l’intervento del presidente nazionale dell’Unione Cna installazione e impianti. “Le fonti rinnovabili – ha detto Franco Bianchi – rappresentano il futuro per le imprese del nostro settore. Da questa crisi si esce con la qualità della proposta che, sul piano energetico, deve essere contemperata alle prescrizioni normative. Da adesso in poi si sentirà parlare con maggiore frequenza di efficienza energetica degli edifici per civile abitazione, della necessità di utilizzare al meglio l’energia che ricaviamo. Insomma, è fondamentale, alla luce degli scenari che si stanno prospettando, diventare autoproduttori dell’energia che ci serve. Gli impiantisti e gli installatori devono essere pronti a sapere fornire, in modo qualificato, tutte le risposte necessarie all’utenza”. “Il seminario che abbiamo organizzato e che alla luce delle notevoli presenze si può definire coronato da un entusiasmante successo – afferma il responsabile organizzativo provinciale dell’Unione installazione e impianti, Vittorio Schininà – è servito a fare il punto sullo stato dell’arte e sulle prospettive della tecnologia e della normativa tecnica associata agli impianti elettrici e ai sistemi di generazione fotovoltaica collegati alle reti elettriche di media e bassa tensione. La presenza di due membri del Comitato elettrotecnico italiano ha reso questo appuntamento ancora più significativo dal punto di vista della qualità delle informazioni rese ai partecipanti al seminario”.