• Articolo , 22 febbraio 2010
  • Rapporto Ambiente Italia 2010 e la Regione Lazio

  • “È motivo di grande soddisfazione apprendere che anche dal nuovo rapporto Ambiente Italia 2010 di Legambiente, siano rilevati valori ambientali molto positivi per il Lazio, indice delle buone pratiche messe in campo dall’Assessorato Ambiente della Regione Lazio in questi ultimi anni. – afferma Filiberto Zaratti, assessore regionale all’Ambiente – Il rapporto rileva particolarmente il fortissimo […]

“È motivo di grande soddisfazione apprendere che anche dal nuovo rapporto Ambiente Italia 2010 di Legambiente, siano rilevati valori ambientali molto positivi per il Lazio, indice delle buone pratiche messe in campo dall’Assessorato Ambiente della Regione Lazio in questi ultimi anni. – afferma Filiberto Zaratti, assessore regionale all’Ambiente – Il rapporto rileva particolarmente il fortissimo incremento della produzione delle energie rinnovabili. Secondo il rapporto sono stati positivi i risultati ottenuti nella sfida ai mutamenti climatici ed ingenti i finanziamenti. Fiore all’occhiello i 24 MW della centrale fotovoltaica di Montalto di Castro, la più grande d’Italia. Complessivamente la produzione da rinnovabili è passata da 1 MW del 2005 agli 87 MW di oggi, e altri 515 MW circa sono già stati autorizzati. Viene inoltre apprezzata la grande l’occasione colta con il piano per la tutela delle acque, fondato su 350 milioni di euro per centrare gli obiettivi di qualità già entro il 2010”.

“Elogiato dal rapporto anche la creazione di nuove 15 aree protette, che salgono così a 68, con un incremento di 12.000 ettari, sui complessivi 283 mila ettari circa, corrispondenti al 12,66 per cento del territorio regionale. A questi si aggiungono 421 ulteriori aree, che comprendono 39 ZPS per 408 mila ettari ovvero circa 23,7 per cento del territorio; 182 SIC per 143 mila ettari circa ossia 8,3 per cento dell’estensione regionale; 200 siti Natura 2000 per 442 mila ettari circa, corrispondenti al 25,7 per cento della superficie complessiva. – conclude Zaratti – Risultati importanti che hanno avuto anche un importante risvolto sotto il profilo occupazionale, creando centinaia di posti di lavoro e numerose occasioni per le imprese, nell’ottica di uno sviluppo sostenibile che oggi possiamo finalmente definire come una realtà e non solo come un sogno”.