• Articolo , 16 dicembre 2008
  • Rapporto giapponese: apparente frenata del surriscaldamento

  • Nell’arco del 2008 l’incremento della temperatura mondiale è stato solo di 0,2°C, un dato da considerare con cauto ottimismo in quanto derivante da un semplice fenomeno atmosferico chiamato “La Nina”

L’Agenzia Meteorologica giapponese dichiara che il riscaldamento globale della Terra potrebbe essere in fase di rallentamento. A sostenere tale affermazione sta il fatto che le temperature medie del 2008 hanno in realtà registrato aumenti inferiori di quanto ci si aspettasse; la temperatura mondiale infatti si è innalzata di 0,2 °C rispetto alla media del trentennio 1971-2000; si tratta del più basso incremento verificatosi dal 2001, dopo anni di crescita continua. Quanto al Giappone, autore della statistica, nel corso dell’anno che sta per concludersi la temperatura media è aumentata di 0,41 °C, tredicesimo picco da quando nel 1898 si iniziò a prendere questo tipo di misure. Rispetto al 2007 inoltre si è registrato un margine di crescita inferiore di 0,44 °C. Tuttavia, l’Agenzia Meteorologica giapponese non ritiene che questa apparente frenata del surriscaldamento globale sia dovuto all’inversione del comportamento umano, allo stato attuale troppo poco influente a causa della scarsa efficacia e scarsa diffusione sul territorio globale, bensì tale andamento sarebbe da attribuirsi al fenomeno atmosferico de ‘La Nina’ responsabile, in diverse aree del mondo, dell’abbassamento delle temperature.