• Articolo , 16 novembre 2007
  • Rassegna stampa dal 09/11/07 al 15/11/07

  • h4. Agricoltura, nuovo ruolo nella tutela ambientale 15/11/07 – Roma – I contadini possono immagazzinare carbonio per due miliardi di tonnellate entro il 2012, utilizzando l’agricoltura come serbatoio di CO2, attraverso il sequestro e l’assorbimento dei gas serra, in particolare del carbonio nel suolo, nelle piante e negli alberi. Questa è la proposta elaborata dal […]

h4. Agricoltura, nuovo ruolo nella tutela ambientale

15/11/07 – Roma – I contadini possono immagazzinare carbonio per due miliardi di tonnellate entro il 2012, utilizzando l’agricoltura come serbatoio di CO2, attraverso il sequestro e l’assorbimento dei gas serra, in particolare del carbonio nel suolo, nelle piante e negli alberi. Questa è la proposta elaborata dal rapporto annuale della Fao sullo stato dell’alimentazione e dell’agricoltura. In questa chiave di lettura la Fao proporrebbe anche degli incentivi per i servizi ambientali, in modo da« aiutare gli agricoltori a cambiare le pratiche d’uso della terra e rendere l’agricoltura più ecocompatibile. «L’agricoltura, da sempre, impiega il maggior numero di addetti e utilizza più terra e risorse idriche di qualsiasi attività umana – ha detto il direttore generale della Fao, Jaques Diouf – potenzialmente può degradare le risorse naturali del pianeta o valorizzarle, è essenziale dunque garantire incentivi adeguati agli oltre due miliardi di persone la cui sussistenza dipende direttamente dall’agricoltura, dal bestiame, dalla pesca e dalle foreste». (Fonte la Nuova Ecologia)

h4. Al Gore, la lotta all’inquinamento continua nella Silicon Valley

14/11/07 – San Francisco – Al Gore, ex vice presidente degli Stati Uniti e vincitore del Nobel per la pace, diventerà partner della Kleiner Perkins Caufield & Byers, una delle principali società di venture capital della Silicon Valley. La collaborazione fra Kleiner e Gore, che ha fondato nel 2004 Generation Investment Management, società impegnata nello sviluppo di fonti produttive eco-compatibili, si propone di finanziare il cosiddetto “business verde”, cioè tecnologie e politiche che riguardano i cambiamenti climatici globali, investendo in energia rinnovabile. (Fonte Quomedia)

h4. Legambiente soddisfatta per l’accordo Italia – Algeria

14/11/07 – Roma – E’ stato siglato oggi l’accordo tra l’Italia e l’Algeria per la costruzione del gasdotto Galsi, che collegherà entro il 2012 i due Paesi, passando per la Sardegna e che soddisfa in pieno Legambiente. “Questo gasdotto è un’importante occasione per rendere più sicuro il nostro approvvigionamento di gas, la fonte energetica fossile meno impattante sul clima” dicono Roberto Della Seta, presidente nazionale di Legambiente, e Vincenzo Tiana, presidente di Legambiente Sardegna, sottolineando come questo debba poter rappresentare “un’opportunità per riconvertire le centrali a carbone della Sardegna, che producono un rilevante impatto in termini di emissioni di CO2”. (Fonte Legambiente)

h4. Pecoraro Scanio d’accordo con Napolitano: bisogna puntare sulle energie rinnovabili

14/11/07 – Roma – “Bisogna accogliere le importanti parole del Presidente della Repubblica Giorgio Napolitano e puntare con decisione sull’efficienza energetica e sulle fonti pulite e rinnovabili”. Lo ha dichiarato il ministro dell’Ambiente e della Tutela del Territorio e del Mare Alfonso Pecoraro Scanio commentando le parole pronunciate dal Presidente della Repubblica durante un incontro con una delegazione del Wec. “Puntare sull’efficienza energetica – ha aggiunto il ministro, che auspica ad una vera rivoluzione energetica – significa ridurre i consumi, ma soprattutto eliminare gli sprechi di energia in tutti i settori, da quello produttivo a quello dei trasporti a quello dell’edilizia, attraverso le buone pratiche dell’efficienza energetica centrando così, gli obiettivi posti dall’Europa”. (Fonte Ministero Ambiente)

h4. Legambiente: stop ai sacchetti di plastica, buone notizie da Londra

14/11/07 – Roma – Alla notizia che anche Londra possa far scattare il divieto delle buste di plastica, come hanno già fatto da tempo Taiwan e Australia, Francesco Ferrante, direttore generale di Legambiente, si è dichiarato soddisfatto. In Italia infatti il divieto scatterà dal 1 gennaio 2010, grazie a una norma inserita nella scorsa Finanziaria (2007). ‘Per smaltire una busta di plastica ci vogliono in media dai 10 ai 20 anni, e nel mondo ne vengono prodotte ogni anno circa 500 miliardi, il che vuol dire un milione di buste al minuto’, ha ricordato Ferrante. Oggi in Italia si producono 300mila tonnellate di buste in plastica all’anno, l’equivalente di 430mila tonnellate di petrolio e di circa 200mila tonnellate di anidride carbonica emesse in atmosfera, con un mercato di circa 500 mila euro l’anno. (fonte Agi)

h4. Operatori Ue: politiche adeguate per raggiungere obiettivo delle rinnovabili

14/11/07 – Bruxelles – Gli operatori del settore dell’energia elettrica europea, in merito ai contenuti che dovrebbero essere presenti nella nuova proposta di direttiva Ue sulle fonti di energia rinnovabile, annunciata per gennaio prossimo, chiedono che tutte le nuove direttive sulle rinnovabili siano concretamente integrate nel quadro del mercato interno dell’elettricità. In particolare, l’industria elettrica europea, Eurelectric, le organizzazioni, le imprese e istituzioni operanti nella produzione, trasmissione e vendita di elettricità rappresentate dalla Recs, e la Federazione Europea dei Commercianti di Energia, Efet, chiedono che i meccanismi di sostegno alle fonti rinnovabili siano adattati ai modelli della domanda e dell’offerta del mercato all’ingrosso, evitando quindi di isolare circa un terzo di esso con la creazione di misure di incentivo non basate sul mercato. (fonte Ansa)

h4. Londra: bus rossi, tra tradizione ed innovazione

13/11/07 – Londra – In arrivo a Londra autobus rossi all’idrogeno. Lo ha reso noto il sindaco della città, che ha annunciato la firma di un contratto da 10 milioni di sterline (oltre 14 milioni di euro) per l’acquisto dall’americana Ise Corp dei dieci autobus a emissioni zero. ‘Londra è ora la prima città europea ad impegnarsi con una flotta di autobus all’idrogeno di queste dimensioni, che sfideranno i tradizionali autobus diesel in termini di prestazioni’, ha detto il sindaco di Londra Ken Livingstone, sottolineando che esso rappresenta un notevole passo avanti verso ‘l’obiettivo di avere entro il 2015 il 5% di tutta la flotta del settore pubblico alimentata a idrogeno’. Cinque veicoli saranno dotati di motori alimentati ad idrogeno attraverso cellule ed altri cinque che bruceranno idrogeno in motori a combustione tradizionale. (fonte Reuters)

h4. Mini e microeolico si diffondono sulle nostre case

12/11/07 – Roma – Gli operatori del settore, grazie anche al decreto sui Certificati Verdi, stanno investendo nel mini e macroeolico con impianti da 5 a 100 kW. Il fenomeno negli Stati Uniti, secondo gli studi dell’American Wind Energy Association, fa prevedere che l’installazione di mini eolico raggiunga i 50.000 MW nei prossimi 5 anni, con una produzione di energia elettrica pari al 3% del consumo totale degli Usa. Nel nostro Paese si avverte la forte potenzialità data dalle ridotte dimensioni delle macchine e dal basso impatto con il territorio, per quanto riguarda i costi, attualmente, per il minieolico ogni kw installato si aggira attorno a 2-3 mila euro, un impianto di 20 kw con 2.000 ore di resa annua, produce 40 MWh di energia elettrica e realizza un ricavo di circa 10 mila euro l’anno per i 12 anni di validità dei certificati verdi. (fonte Ansa)

h4. Biometano per alimentare automobili e reti domestiche

12/11/07 – Roma – Il biometano è un biogas sottoposto ad un trattamento di purificazione definito “upgrading”, utilizzato come biocarburante può far ottenere risultati migliori del biodiesel, se consideriamo che per un ettaro di superficie utile si ricava, in base alle diverse colture, fino a 4.500 litri di biometano (ovvero circa 1.800 kg) che, con un’auto privata consentono di percorrere circa 40.000 km. In Germania, è stato realizzato il primo impianto che produce contemporaneamente calore, energia elettrica e biometano da una società di agricoltori; i due digestori dell’impianto vengono alimentati da deiezioni animali, silomais e simili e producono 4.800 MWh di energia termica che alimenta una rete di teleriscaldamento per utenze private e altrettanti MWh di energia elettrica ceduta alla rete pubblica locale. Il biometano prodotto per la stazione di rifornimento locale riesce a fare il pieno a 100 auto ogni giorno, ovvero 580.000 Kg all’anno prodotti con una presenza di metano compresa tra il 92 e 97%. L’impianto viene sfruttato solo per un 5% come produzione di biocombustibile, ma visti i tempi con i combustibili fossili a breve saranno di certo incrementate le quote. (fonte Ansa)

h4. Il sogno diventa realtà: nasce il primo aereo ad energia solare

12/11/07 – Svizzera – Programmato per il prossimo autunno il primo volo di prova dell’aereo ecologico, che funziona senza carburante. Si chiama Solar Impulse ed è stato realizzato da Piccard (l’aeronauta svizzero che nel 1999 ha fatto il giro del mondo senza soste pilotando il pallone aerostatico Breitling Orbiter 3), in collaborazione con 150 designer di sei diverse nazioni e oltre 60 specialisti tecnici. Il prototipo monoposto, del valore di 94 milioni di dollari, può raggiungere gli 8.500 metri d’altitudine in perfetta autonomia e volare notte e giorno, accumulando l’energia solare durante le ore diurne, per 36 ore consecutive a una velocità media di 70 chilometri orari. L’energia viene catturata, e quindi accumulata nelle batterie al litio che poi alimenteranno i due motori elettrici anche di notte, grazie ai pannelli solari ultrasottili con cui sono rivestite del ali. (fonte Il Corriere della Sera)

h4. Al via il mercato per l’energia

12/11/07 – Roma – Raddoppierà prima del 2050 la domanda mondiale di energia e per affrontare questa crescita, che verrà in maniera crescente dalle aree del mondo emergenti, serve una ‘governance’. “Deciding the future: energy policy scenario to 2050” è questo il titolo dello studio il World Energy Council ha presentato oggi al Congresso mondiale dell’ energia. Si tratta di una politica mirata, attraverso tre forme di cooperazione e integrazione da governo a governo e mediante accordi internazionali, a formare un mercato che, grazie a regole certe negli scambi, preservi le materie prime da sbalzi di prezzi. (fonte Ansa)

h4. Prodi/1: tanta ricerca per le nuove energie

11/11/07 – Roma – In tema di risparmio energetico, bisogna spendere molto per il nuovo. Lo ha detto il presidente del Consiglio, Romano Prodi, prima di tagliare il nastro azzurro che inaugura, ai padiglioni della Nuova Fiera di Roma, il XX Congresso mondiale sull’energia. Il premier, prima di fare un rapido giro nei principali padiglioni, ha infatti dichiarato: ‘dobbiamo dare una risposta per il risparmio di energia e occorre tanta, tanta, tanta ricerca per le nuove energie. Dobbiamo convincerci che dobbiamo cambiare totalmente la direzione della nostra ricerca e quindi spendere molto per il nuovo’. (fonte Ansa)

h4. Prodi/2: efficienza energetica, pulita, non costosa e abbondante

11/11/07 – Roma – In occasione dell’apertura del XX Congresso Mondiale dell’Energia, il premier Romano Prodi ha definito l’efficienza energetica come la ‘fonte migliore di cui disponiamo’ perché ‘pulita, non costosa e disponibile in abbondanza’. Il Presidente del Consiglio ha poi sottolineato come siano già in circolazione automobili che possono percorrere oltre 20 chilometri con un litro di carburante: ‘se tutte le auto nei Paesi industrializzati si adeguassero a questo standard sarebbe possibile risparmiare più di 10 milioni di barili al giorno, l’intera produzione dell’Arabia Saudita’, ha commentato Prodi. E ha concluso auspicando che ‘tutti i Paesi del mondo debbono mettere al centro delle loro politiche energetiche il ricorso a consistenti risparmi’. (fonte Ansa)

h4. Pecoraro: dobbiamo superare l’era del nucleare

09/11/07 – Roma – Durante la conferenza “accendi l’energia verde” organizzata dai Verdi italiani e dal gruppo dei Verdi al Parlamento europeo, il ministro Alfonso Pecoraro Scanio ha sottolineato la necessità di investire in scelte innovative nel campo dell’energia, non più nel vecchio nucleare da fissione. Il nucleare possibile è quello che non utilizza l’uranio e che non produce scorie radioattive, il modello “Rubbia”. Ricerca e innovazione deve essere fatta sulle fonti energetiche rinnovabili, partendo dal solare, come ad esempio il protocollo firmato con la regione Calabria per realizzare la prima centrale solare; bisogna tenere sempre presente la sostenibilità di ogni progetto, ogni scelta ha le sue conseguenze nel rapporto costi/benefici, molta attenzione va posta per evitare disastri. (fonte Ansa)

h4. Rimini: curiose novità a Ecomondo 2007

09/11/07 – Rimini – Quest’anno i padiglioni della Fiera ospitano anche Key Energy (www.keyenergy.eu), una rassegna interamente rivolta all’energia e alla mobilità sostenibile. Il vero protagonista è però il solare con le sue molteplici applicazioni. Tra i padiglioni della Fiera un piccola azienda argentina ha messo sul mercato la “Cocina solar portatil”. Si tratta di un foglio di alluminio pieghevole molto simile a quelli che si mettono sui parabrezza, che una volta aperto assume la forma di uno specchio concavo, come quelli ustionanti progettati da Archimede. Appoggiandoci al centro una pentola i produttori, la Xcruza di Buenos Aires, garantiscono che in una giornata di media insolazione si può far bollire l’acqua nel giro di mezz’ora. L’azienda Stilo Grafica di Rimini presenta dei risciò a pedali utilizzati soprattutto sui lungomari delle località turistiche azionati da piccoli pannelli fotovoltaici. L’energia del sole alimenta un piccolo motore elettrico in grado di aggiungersi alla forza muscolare, rendendo la passeggiata più piacevole. (fonte La Repubblica.it)

h4. Il The e lo zucchero usati per produrre biocarburanti

09/11/07 – Roma – L’ONU ha avviato un programma sperimentale in Africa orientale, con il sostegno economico del Global Environment Facility, che mira ad ottenere la produzione di biocarburanti utilizzando foglie di the e zucchero. La nuova produzione energetica dovrebbe essere impiegata per il riscaldamento e per l’energia elettrica, attraverso il funzionamento di turbine di centrali elettriche e diversi sistemi di cogenerazione. L’ONU assicura che il progetto non avrà impatti sulla fame nel mondo: i due prodotti incidono poco sul problema alimentare dei paesi africani, e in secondo luogo l’accordo firmato con i produttori di materie agricole conferma l’esistenza di soluzioni negoziate e percorribili, che non incideranno negativamente sul quadro socio-ambientale delle comunità africane. (fonte Ecoage.com)

h4. Pecoraro: “l’ambiente può diventare un tema trasversale…”

09/11/07 – Roma – Il Ministro dell’Ambiente, Alfonso Pecoraro Scanio, a margine della conferenza dal titolo: “Accendi l’energia verde”, ha commentato positivamente il ricorso dello Stato della California contro l’agenzia per l’ambiente Usa. Negli ultimi mesi infatti, nel mondo sono arrivati segnali interessanti dalla politica, da parte di molti esponenti di destra e centro-destra, che si impegnano in programmi a favore dell’ambiente e del sostegno alle rinnovabili. E’ il caso del presidente francese Nicolas Sarkozy e della sua politica d’ impulso su fonti rinnovabili ed efficienza energetica, dei conservatori inglesi, che hanno il programma più ambientalista di tutta Europa e infine il caso del governatore della California, un uomo di destra che fa causa al suo presidente e compagno di partito per adottare limiti alle emissioni di CO2 degli autoveicoli. (fonte Ansa)

h4. Roma: al via “Viva Gaia”, festival dell’ecocinema

09/11/07 – Roma – Fino al 21 novembre si svolgerà a Roma, presso il Filmstudio, “Viva Gaia! Film e video ecologisti per il Terzo Millennio”, una rassegna di ecocinema promossa dal Comune di Roma, Assessorato alle politiche culturali, in collaborazione con l’Ambassade de France en Italie-Service Culturel-BCLA e il Goethe Institut Rom. Un contenitore di qualità all’interno del quale troveranno spazio i migliori film, video e documentari provenienti dai più importanti festival internazionali di cinema ambientalista: sono infatti stati raccolti, in ogni parte del mondo, circa 100 film degli ultimi tre anni, molti dei quali in anteprima assoluta per l’Italia, quasi tutti vincitori di prestigiosi premi. Per Americo Sbardella, fondatore del Filmstudio, la manifestazione rappresenta un’occasione per ‘poter contribuire alla diffusione nel nostro Paese di un cinema dalle tematiche così attuali’. (fonte Ansa)

h4. Torraca: la prima Led City al mondo

09/11/07 – Salerno – L’illuminazione pubblica rappresenta per un’amministrazione comunale una voce di spesa sempre più pesante da sostenere, a causa del duplice effetto di costi energetici in aumento, dipendenti dal caro petrolio, e dall’incremento di utenze. In Italia, però, esiste già un esempio di come i Comuni, puntando sul risparmio di energia, possano pareggiare i conti senza dover introdurre nuove imposte. A Torraca, in provincia di Salerno, infatti, è stato realizzato un impianto di illuminazione comunale a Led, per un investimento, grazie a fondi regionali, di 280mila euro, con un rientro previsto in 6 anni. L’impianto, unico al mondo, che consiste in 700 punti luce, ha generato un risparmio energetico del 65%, una riduzione dei costi di manutenzione del 50% e dell’inquinamento luminoso del 90%. (fonte Ansa)

h4. Intersolar Nord America, mega expo solare per tutti gli Stati Uniti

09/11/07 – San Francisco – Si chiamerà “Intersolar Nord America” e si svolgerà a San Francisco, al Moscone Center, dal 15 al 17 luglio prossimo. Si tratta della più grande esposizione di tecnologia solare della regione destinata a servire tutti gli Stati Uniti. La manifestazione è nata dall’accordo di partenariato tra Semi, associazione delle compagnie attive nel mercato dei semiconduttori, delle celle fotovoltaiche e dei prodotti connessi, e gli organizzatori della più grande esposizione europea del solare, Intersolar. Ciò in risposta alla sempre più rapida espansione del mercato dell’energia solare a livello mondiale. Solo per il settore fotovoltaico, si stima che il mercato totale crescerà dagli attuali 9 miliardi ad oltre 40 nel 2012 e che, nello stesso anno, l’elettricità prodotta con la tecnologia fotovoltaica raggiungerà la parità in molti paesi del mondo. (fonte Ansa)