• Articolo , 23 marzo 2007
  • Rassegna Stampa dal 16/03/07 al 22/03/07

  • h4. Alto Adige: fotovoltaico in grande 16/03/2007 – Laces – È stato inaugurato il più grande impianto fotovoltaico italiano, realizzato sui tetti della Cooperativa ortofrutticola Ortler di Laces. I numeri: 3.988 pannelli per una potenza di 837,48 kWp e una superficie di 5.000 metri quadrati. La produzione annua è di un milione di kWh, con […]

h4. Alto Adige: fotovoltaico in grande

16/03/2007 – Laces – È stato inaugurato il più grande impianto fotovoltaico italiano, realizzato sui tetti della Cooperativa ortofrutticola Ortler di Laces. I numeri: 3.988 pannelli per una potenza di 837,48 kWp e una superficie di 5.000 metri quadrati. La produzione annua è di un milione di kWh, con una resa minima garantita dell’80% e un risparmio energetico del 25%. Il calo in termini di emissioni di anidride carbonica evitate è pari a 510 tonnellate. L’investimento è stato di 4,12 milioni di euro, con un rientro previsto in dieci anni. (fonte Ansa)

h4. Umbria: uso razionale della luce

16/03/2007 – Perugia – La Giunta regionale dell’Umbria, su proposta dell’assessore all’ambiente Lamberto Bottini, ha approvato il regolamento di attuazione della legge regionale 20/2005 “Norme in materia di prevenzione dall’inquinamento luminoso e risparmio energetico”, dove vengono definiti i requisiti tecnici e le norme di utilizzo degli impianti di illuminazione esterna, e le modalità di adeguamento esistenti. ‘Con questa legge l’Umbria persegue importanti obiettivi di risparmio energetico – ha dichiarato Bottini – ottenibili attraverso la diffusione di sistemi di illuminazione ad alta efficienza ed un uso più razionale delle sorgenti di luce’. (fonte Agi)

h4. Biodisel, previsto un nuovo impianto da 200.000 tonnellate all’ anno per il 2008

16/03/2007- Roma – Oxem (Oxon Energia Mezzana) e la Desmet Balestra si sono accordate per la realizzazione di un impianto per la produzione di biodisel. Sorgerà a Mezzana Bigli (PV) e sarà inaugurato nella seconda metà del 2008, si prevede una produzione annua di 200.000 tonnellate.
Stefano Meloni, presidente della Oxem ha dichiarato “Siamo particolarmente lieti che questo sia il primo impianto realizzato in Italia a seguito dell’introduzione delle norme emanate dalla recente Finanziaria sulla obbligatorietà di incorporazione del biodiesel nel gasolio”. Il vice presidente della Desmet Balestra, Marco Galateri, parlando degli impianti, ha dichiarato “La nostra tecnologia è già utilizzata in oltre 70 impianti in 25 Paesi del mondo e apprezziamo molto che anche l’Italia cominci ad adeguarsi a questo segmento di mercato in grande sviluppo”. (fonte Ansa)

h4. Sul sito di Al Gore raccolta di firme contro i cambiamenti climatici

16/03/2007 – Nashville – Il Vicepresidente Al Gore ha raccolto quasi 300.000 firme elettroniche che chiedono al Congresso degli Stati Uniti di intervenire sul riscaldamento globale. Per Gore le firme dimostrano che gli americani vivono questa situazione come un’emergenza, e mercoledì di fronte al Congresso parlerà del problema. Gore ha anche dichiarato che la “volontà politica è una risorsa rinnovabile, ed esiste già qualcosa per cominciare a risolvere questa crisi”. Il vicepresidente citando il rapporto dell’Onu sul riscaldamento globale ha parlato dell’aumento di temperatura causato dalle emissioni che porterà ad un aumento di 11 gradi Fahrenheit entro 2100. (fonte Associated Press Writer)

h4. G8+5 di Potsdam, accordi e differenze, fuori solo gli Usa

17/03/2007- Potsdam – Alla riunione G8+5 di Potsdam il Ministro dell’Ambiente, Alfonso Pecoraro Scanio, ha così sintetizzato la situazione tra la politica Usa e quella Ue “Il clima si sta arroventando e l’intera problematica del cambiamento climatico corre come una lepre, al contrario il clima politico non si rende conto dell’emergenza e continua ad andare molto lento come una lumaca”. La polemica nasce dalla posizione degli Usa che rifiutano sia limiti precisi circa le emissioni, sia l’aiuto finanziario per i paesi emergenti impegnati nella protezione dell’ambiente. Presenti all’incontro i ministri dell’Ambiente di Usa, Giappone, Francia, Germania, Gran Bretagna, Italia, Canada e Russia e di Cina, India, Brasile, Messico e Sudafrica. Dal G8 si esce con i presupposti per la costruzione di una strategia globale per la lotta ai cambiamenti climatici e la salvaguardia della biodiversità. Il ministro dell’Ambiente tedesco Sigmar Gabriel ha dichiarato “Siamo andati molto più avanti di quanto mi fossi aspettato all’inizio – aggiungendo che – siamo di fronte ad un buon risultato in vista del vertice del G8 del prossimo giugno a Heiligendamm”. (fonte Ansa)

h4. Rubbia: termodinamico, biomasse e nucleare

17/03/2007 – Frascati – Si è svolto ieri a Frascati uno degli incontri per le “Supermacchine della scienza”, al quale ha partecipato anche Carlo Rubbia. Per il Premio Nobel per la fisica, il ‘leader’ delle fonti rinnovabili e il vero destinatario dell’innovazione è il solare termodinamico: non l’eolico né il fotovoltaico, ancora ‘poco efficiente’. Buono per il futuro anche il nucleare, purché si risolvano i ‘tre problemi: scorie, possibilità di incidenti, e utilizzo per fini terroristici’. Nel settore dei trasporti, infine, per Rubbia si dovrebbe puntare sulle biomasse piuttosto che sull’idrogeno. (fonte Ansa)

h4. Enea: workshop sui cambiamenti climatici

18/03/2007 – Roma – Il 20 marzo si svolgerà nella capitale un workshop sullo studio dei cambiamenti climatici e i loro effetti, promosso dall’Enea e presieduto da Luigi Paganetto, presidente dell’ente. L’obiettivo è analizzare, sulla base dei risultati conseguiti dall’Enea nel corso di venti anni di esperienze, l’impatto del riscaldamento globale sull’uomo e sugli ecosistemi, dal punto di vista ambientale ed economico: negli anni futuri si prevedono infatti 200 milioni di profughi ambientali e una perdita del 20% del prodotto lordo mondiale. (fonte Adnkronos)

h4. Nevada: lo sci si tinge di verde

18/03/2007 – Nevada – Le industrie americane di sci stanno puntando sulle fonti energetiche rinnovabili per contrastare l’inquinamento causa del riscaldamento globale: un fenomeno che minaccia l’esistenza di molte località sciistiche con il pericolo di nevicate fuori stagione e di disgeli prematuri. Per questo, 55 località sciistiche in 14 stati stanno investendo sulle energie verdi per soddisfare parzialmente o interamente il loro fabbisogno energetico: di queste, 26 utilizzano al 100% energia verde. Ad esempio, lo scorso anno il Vail Resort ha acquistato 152.000 MWh di energia eolica, per alimentare gli ascensori e l’illuminazione, tutta a basso consumo. (fonte Ap)

h4. Sul clima la Cina non vuole critiche

18/03/2007 – Berlino – Xie Zhenhua, capo della delegazione cinese al G8+5 di Potsdam, ha risposto alle critiche mosse dai paesi occidentali circa la politica di Pechino sulle emissioni di CO2. Ha parlato degli sforzi fatti dalla Cina per cercare di far convivere lo sviluppo con il rispetto dell’ambiente e la relativa limitazione di emissioni, ma ha anche affermato che i paesi occidentali che non riducono le proprie emissioni ‘non hanno il diritto di criticare gli altri paesi’. Come aveva detto il ministro dell’Ambiente tedesco Sigmar Gabriel “è un segnale importante che i cinque principali paesi emergenti e gli otto paesi più industrializzati abbiano parlato con parole chiare fra di loro” e la chiarezza è stata una priorità per Xie Zhenhua.

h4. Ambiente Radio Kiss Kiss organizza il Klima Day

18/03/2007 – Roma – Su Radio Kiss Kiss il 21 marzo dalle 7,00 alle 21,00 andrà in onda una maratona radiofonica per il clima. Nelle quattordici ore di programmazione dedicate a cambiamenti climatici e ambiente, saranno presenti tra gli altri il ministro Fabio Mussi, Federico Moccia e Giorgio Faletti. Patrocinata dal Ministero dell’Ambiente e della Tutela del Territorio e del Mare, la ‘maratona’ avrà la collaborazione per il coordinamento di Alessandro Cecchi Paone. Per il ‘Klima Day’, la radio ospiterà invece 100 spot che frutteranno circa 40 mila euro e che verranno messi a disposizione dell’amministrazione della città piu’ vivibile d’Italia. La città, scelta tra una cinquantina di finaliste verrà resa nota lunedi’ 19 marzo. (fonte Adnkronos)

h4. Scaroni, Eni: meglio le alghe della colza

19/03/2007 – Torino – Per Paolo Scaroni, amministratore delegato Eni, sono le alghe, più che la colza, la strada da seguire in futuro nel campo dei biocombustibili. L’Italia non può seguire il modello del Brasile, degli Usa o dell’estremo Oriente, ha sottolineato Scaroni, ‘perché non ci sono le aree sufficienti’. Si potrebbe soddisfare appena il 20% del fabbisogno nazionale. L’utilizzo delle alghe potrebbe, non solo produrre energia pulita, ma anche ridurre le emissioni di anidride carbonica, in quanto assorbita dalle piante. Nel futuro l’Eni investirà 350 milioni su fotovoltaico ed ecocarburanti. (fonte Ansa)

h4. Energia pulita? Una bufala

19/03/2007 – Caserta – Un team di studiosi del Politecnico di Milano e dell’Eureco, promotrice del Centro del Mediterraneo per l’Energia Rinnovabile e la Sostenibilità Ambientale (Medcres), hanno sviluppato un progetto pilota per ottenere energia pulita dai reflui delle bufale e dal siero del latte, per mezzo di un impianto a biogas. Si prevede, inoltre, di ottimizzare i consumi energetici del caseificio attraverso l’utilizzo di un impianto solare termico e di uno fotovoltaico, con un risparmio annuo di anidride carbonica pari a 45.000 kg. Dunque, un approccio energetico integrato tra solare termico-fotovoltaico-cogenerazione, con l’abbattimento dei costi per l’utente. (fonte Adnkronos)

h4. Ginevra: sale la febbre ecologica per le auto ibride

19/03/2007 – Ginevra – Molte le novità, tutte a tinte verdi, emerse dal Salone dell’Auto di Ginevra, chiusosi ieri. Inaspettato il cambio di rotta della Psa (Peugeot-Citroen) che, diretta da poco più di un mese da monsieur Streiff, ha dichiarato di voler produrre il prima possibile auto ibride, probabilmente entro il 2010. Annunciato inoltre il nuovo accordo tra Bmw e Mercedes, storiche rivali, che, dopo lo sviluppo sul mercato americano, hanno deciso di mettere a punto sistemi ibridi con motore a combustione interna e motori elettrici, pensati appositamente per le esigenze del mercato europeo. (fonte La Repubblica.it)

h4. Fotovoltaico, polimeri e nanocristalli per abbattere i costi

19/03/2007 – Torino – Il trend di crescita della domanda per il fotovoltaico è molto alto, ad aiutare questa tendenza l’abbattimento dei costi dovuto alle nuove tecnologie. Le celle saranno realizzate con materiali plastici in pellicole o sfrutteranno i nanocristalli, è quello che dicono le ricerche di studiosi americani. Alan J.Hegger, nobel per la chimica nel 2002, e Armand Paul Alivisatos dell’università di Berkeley hanno ricevuto in ex aequo i premi Scienza e ambiente Eni Italgas. Per Heeger ”Le celle solari sono già efficaci il problema sono i costi” ed ha auspicato che “presto si possa arrivare a una produzione su scala industriale. In questo caso si potrebbero abbattere i costi fino a dieci volte rispetto a quelli attuali e dare un deciso impulso all’impiego dell’energia solare”. Caratteristica importante della nuova tecnologia è il sistema produttivo facilmente estendibile alla larga scala. Le celle solari a polimeri possono essere, infatti, potenzialmente ottenute mediante il roll-to-roll e le tecnologie a stampa. (fonte Ansa)

h4. Biocombustibili, per il Cnr energia dagli scarti della frittura

19/03/2007- Roma – L’Istituto di Biometeorologia (Ibimet) del Cnr di Firenze ha brevettato un nuovo combustibile che utilizza lo scarto dell’industria alimentare e gli oli esausti di frittura. Il combustibile ad alto potere calorico è studiato per il riscaldamento e nasce da un’idea di per se semplice ma innovativa. Alessandro Matese, dell’Ibimet-Cnr, spiega il prodotto. “Il nostro studio ha permesso di realizzare un processo tecnico in grado di far assorbire l’olio esausto da pellets ottenuti recuperando il cruscame dei mulini, i residui della pre-pulitura del grano e le paglie di scarto delle colture autunnali”. Si uniscono così due vantaggi, primo si ha un vantaggio energetico per il pellet e secondo si eliminano olii che da soli non potrebbero essere bruciati nelle comuni stufe a pellet e andrebbero quindi mandati a discarica. Il combustibile del Cnr produce 4.500 Kcal di energia termica per ogni chilo. Se si calcola che si raccolgono circa 27mila tonnellate di olio vegetale esausto l’anno, la produzione di energia potrebbe arrivare annualmente a 4.800 GWh termici da fonte rinnovabile. (fonte Adnkronos)

h4. Clima, il Wwf chiede una task force

19/03/2007 L’iniziativa del Wwf lanciata oggi e proposta al governo punta sul “rafforzamento del sistema natura”. Alla conferenza stampa convocata oggi, Gianfranco Bologna, direttore scientifico del Wwf Italia, ha dichiarato: “I cambiamenti globali sono già una realtà del tempo presente ed i costi dell’inazione rischiano di essere molto pesanti per tutta la collettività. A fianco delle azioni di riduzione dei gas serra è urgentissimo ripristinare il territorio rafforzando la capacità dei sistemi naturali di resistere ai cambiamenti climatici già in atto”. Per il Wwf è necessario formare una commissione interministeriale coordinata da Palazzo Chigi per monitoraggio e valutazione di strategie di emergenza e di prevenzione a lungo termine. (fonte Ansa)

h4. Legambiente: a Kyoto ci pensa l’agricoltura

20/03/2007 – Roma – Si è svolto nella capitale il convegno sulle agroenergie sostenibili, organizzato da Legambiente, insieme al ministero delle Politiche Agricole e all’Unione delle Province italiane. Secondo quanto emerso, l’agricoltura italiana può dare un grande contributo al raggiungimento degli obiettivi di Kyoto, grazie allo sviluppo di agroenergie che, da un alto contribuiscano alla sostenibilità ambientale dell’impresa, e dell’altro tutelino l’agricoltore. È quindi necessaria una preventiva valutazione dei bilanci idrici ed energetici e l’utilizzo di appropriate tecniche colturali, nonché la garanzia di un adeguato sostegno economico alle filiere. (fonte Il Sole 24 Ore)

h4. Marchionne (Fiat): scarsa la domanda di auto “verdi”

20/03/2007 Sergio Marchionne, il presidente dell’Acea(l’associazione di categoria europea dei costruttori di auto) e amministratore delegato Fiat, a margine di una conferenza sull’industria automobilistica nell’est europeo, ha dichiarato circa la riduzione delle emissioni di CO2 dalle automobili, sono “proibitivamente care” e “irrealistiche”. Per Marchionne l’obiettivo dei 130 grammi/km da attuarsi entro il 2012 non può provenire soltanto dall’evoluzione tecnologica. Secondo l’amministratore delegato pesa il fatto che non c’è grande richiesta di auto a risparmio di carburante e comunque ha affermato che “grazie all’impegno che la nostra industria ha assunto volontariamente nel 1998” le automobili da loro prodotte hanno tagliato del 13% le emissioni di CO2 . (fonte Il sole 24 ore.it)

h4. Ue: ultimo avviso per l’Italia

22/03/07 – Bruxelles – La Commissione europea ha annunciato giovedì azioni legali contro alcuni stati membri per non aver trasmesso le informazioni richieste sulle strategie adottate nel quadro della lotta ai cambiamenti climatici. ‘Un’informazione accurata ed aggiornata è una base fondamentale per combattere effettivamente il cambiamento climatico’, ha dichiarato in un comunicato il Commissario europeo all’Ambiente Stavros Dimas. Tra gli avvisati c’è anche l’Italia, oltre a Bulgaria, Estonia, Grecia, Lussemburgo e Malta, che sarà nuovamente sollecitata prima di comparire di fronte alla corte suprema dell’Ue. (fonte Reuters, RaiNews24)