• Articolo , 5 novembre 2008
  • Recupero e riutilizzo

  • Green Public Procurement ovvero “acquisti verdi”: il Comune di Arezzo ha predisposto un progetto e attivato un gruppo di lavoro per il coordinamento e la gestione operativa di un percorso che, come sostiene l’assessore Roberto Banchetti “mette in atto azioni concrete per ridurre gli impatti ambientali dei processi di consumo e produzione. Siamo impegnati nella […]

Green Public Procurement ovvero “acquisti verdi”: il Comune di Arezzo ha predisposto un progetto e attivato un gruppo di lavoro per il coordinamento e la gestione operativa di un percorso che, come sostiene l’assessore Roberto Banchetti “mette in atto azioni concrete per ridurre gli impatti ambientali dei processi di consumo e produzione. Siamo impegnati nella raccolta differenziata e nella riduzione dei rifiuti ma occorre anche recuperare e riutilizzare i materiali diversificati con un mercato di clienti che acquistano questi prodotti. Questa è la direzione e la filosofia degli acquisti verdi che stiamo attuando”.
Obiettivo del progetto: ridurre l’uso delle risorse naturali, sostituire le fonti energetiche non rinnovabili con quelle rinnovabili, ridurre la produzione di rifiuti, le emissioni inquinanti, i pericoli ed i rischi ambientali. Gli acquisti pubblici verdi si inseriscono nelle politiche per la sostenibilità dell’Unione Europea e il loro utilizzo è previsto anche nel Piano straordinario dell’Aato 7.
“Nel territorio siamo il Comune pilota di questa esperienza – conferma Banchetti – che coinvolgerà il personale ed i vari settori dell’ente. Gli acquisti verdi dovranno riguardare quindi i materiali di cancelleria, gli arredi, i cibi delle mense scolastiche, il verde pubblico e faranno parte dei capitolati di gara per le realizzazioni e gli altri piani dell’ente come quello energetico, quello dei rifiuti e quello della mobilità che vedrà presto i primi risultati”.
Il gruppo di lavoro sugli acquisti verdi costituito in Comune ha quindi il compito di coordinare e gestire tutte le fasi di verifica ed attivazione del progetto per assumere criteri ambientali nell’acquisto dei prodotti, sia beni che servizi. Dovrà inoltre fare azione di sensibilizzazione nel mondo economico per l’introduzione di questo processo nelle diverse filiere produttive e promuovere percorsi formativi per il personale tecnico amministrativo del Comune per fornire adeguate conoscenze sulla sostenibilità ambientale e sulla sua applicazione nelle procedure delle attività dell’Ente.
“Un’iniziativa che si aggiunge alle molte altre che abbiamo attivato – conclude Banchetti – e che ci consentirà, insieme a tutti i settori della comunità locale, di definire le azioni da intraprendere per una migliore gestione delle risorse ambientali anche nel nostro territorio. Intanto il Comune continua a fare la sua parte con gli ‘acquisti verdi’ che daranno risultati immediati, tangibili e quantificabili”.

Comune di Arezzo – Servizio Comunicazione