• Articolo , 26 febbraio 2008
  • Regione, incremento emissioni Co2 inferiore a 1%

  • Lo rileva l’assessorato regionale all’Ambiente, in merito al quadro fornito da Legambiente circa le emissioni di gas serra “L’incremento di emissioni di CO2 in Umbria nel quinquennio 1999-2004 si attesta sotto l’1%, se si esclude il dato relativo alla nuova centrale per la produzione di energia elettrica di Pietrafitta”. E’ quanto rileva l’assessorato regionale all’Ambiente, […]

Lo rileva l’assessorato regionale all’Ambiente, in merito al quadro fornito da Legambiente circa le emissioni di gas serra
“L’incremento di emissioni di CO2 in Umbria nel quinquennio 1999-2004 si attesta sotto l’1%, se si esclude il dato relativo alla nuova centrale per la produzione di energia elettrica di Pietrafitta”. E’ quanto rileva l’assessorato regionale all’Ambiente, in merito al quadro fornito da Legambiente circa le emissioni di gas serra in Umbria anche in riferimento al protocollo di Kyoto entrato in vigore nel 2005. “Gli incrementi segnalati da Legambiente – precisa l’assessorato – se si vanno ad analizzare i dati contenuti nell’Inventario nazionale delle emissioni, sono soprattutto riferibili al decennio 1990-2000, prima che gli impegni di Kyoto entrassero in vigore. Per il periodo 1999-2004, infatti, in Umbria le emissioni di CO2 sono passate da 10.957.647 tonnellate/anno a 11.989.127, con un incremento del 9% per cento (1.031.480 tonnellate). Disaggregando il dato, emerge come l’aumento sia quasi esclusivamente riferibile all’entrata in funzione della nuova centrale per la produzione di energia elettrica di Pietrafitta, che da sola ha contribuito, nello stesso arco di tempo, per 943.950 tonnellate di anidride carbonica emessa”. Per l’assessorato regionale all’Ambiente, “considerando che l’entrata in funzione di una centrale termoelettrica come quella di Pietrafitta supera la scala della pianificazione locale e assume una valenza eminentemente nazionale anche nella prospettiva del protocollo di Kyoto, il quadro emissivo umbro di gas serra più recente non risulta così fosco e drammatico come rappresentato. Inoltre, il peso del contributo dell’Umbria rispetto alle emissioni nazionali di CO2 è pari solo al 2 per cento del totale”. “La Regione – concludono dall’assessorato regionale all’Ambiente – non si sottrae certamente agli impegni per la tutela dell’ambiente. Nel 2005 è stato adottato il ‘Piano regionale per la tutela e il risanamento della qualità dell’aria’ le cui misure rivolte al traffico, alle attività produttive per la riduzione complessiva delle emissioni in atmosfera, intervengono anche sulla diffusione delle sostanze che alterano il clima”.