• Articolo , 5 marzo 2010
  • RenewableUK: l’industria verde ha bisogno di 500 milioni di sterline

  • L’industria britannica delle rinnovabili ha bisogno di almeno 500 milioni di sterline. Il settore necessita di una spinta per superare il momento di stallo a supporto di eolico, eolico off-shore e sfruttamento del moto marino

(Rinnovabili.it) – L’industria britannica delle rinnovabili ha dichiarato di avere necessità di un sostegno, calcolato in 500 milioni di sterline e distribuito per il prossimo biennio, necessari per supportare l’attività del governo a favore della riduzione delle missioni di CO2 per contrastare il cambiamento climatico e l’innalzamento della temperatura globale.
Il fondo verrebbe diviso tra l’eolico, l’eolico off-shore e lo sfruttamento del movimento delle maree e delle onde andando ad incrementare la sperimentazione commerciale e l’innovazione tecnologica.
L’appello è stato lanciato da quella che prima era la lobby conosciuta come British Wind Energy Association e che ora è nota come RenewableUK, ma la richiesta di denaro in un momento delicato come questo per il settore energetico alle soglie della rivoluzione green risulta complessa da portare a termine.
La Gran Bretagna sembra avere fiducia nelle rinnovabili ma riuscirà ad andare avanti a patto che il governo sia in grado di supportare il mercato fino al momento in cui le industrie risultino autonome. In alcuni settori, infatti, tra cui quello relativo allo sfruttamento del moto marino, l’offerta da parte degli investitori è minima e le tecnologie risultano molto indietro rispetto, ad esempio, ai due rami dell’eolico.