• Articolo , 8 dicembre 2007
  • Residui vegetali: energia termica per 4 milioni di abitazioni

  • E’ stato stimato che nel nostro paese regioni come la Sicilia, il Piemonte, la Lombardia e il Veneto detengono il più alto potenziale nazionale di biomasse ( il 45%), proveniente da residui di colture erbacee ed arboree che possono essere impiegate in centrali termoelettriche e impianti di teleriscaldamento. L’Itabia, (Associazione degli Esperti di Biomasse), sottolinea […]

E’ stato stimato che nel nostro paese regioni come la Sicilia, il Piemonte, la Lombardia e il Veneto detengono il più alto potenziale nazionale di biomasse ( il 45%), proveniente da residui di colture erbacee ed arboree che possono essere impiegate in centrali termoelettriche e impianti di teleriscaldamento. L’Itabia, (Associazione degli Esperti di Biomasse), sottolinea che il potenziale energetico di queste sostanze è molto elevato, dal momento che 100.000 tonnellate all’anno possono alimentare una centrale termoelettrica di 10 MW. Per impianti di teleriscaldamento, la stessa quantità di biomassa potrebbe soddisfare i fabbisogni termici e di acqua calda di 4 milioni di abitazioni ( Fonte Itabia).