• Articolo , 30 maggio 2011
  • Riciclabilandia 2011

  • Si è svolta oggi a Greve la prima delle tre manifestazioni conclusive di Riciclabilandia che ha coinvolto circa 850 bambini delle scuole elementari e delle scuole dell’infanzia di quattro Comuni del Chianti. Tema di questa undicesima edizione, la riduzione dei rifiuti. Riciclabilandia 2011 ha coinvolto le scuole di Greve, Tavarnelle, San Casciano e Barberino Val […]

Si è svolta oggi a Greve la prima delle tre manifestazioni conclusive di Riciclabilandia che ha coinvolto circa 850 bambini delle scuole elementari e delle scuole dell’infanzia di quattro Comuni del Chianti. Tema di questa undicesima edizione, la riduzione dei rifiuti. Riciclabilandia 2011 ha coinvolto le scuole di Greve, Tavarnelle, San Casciano e Barberino Val d’Elsa, per un totale di 34 classi. “L’educazione ambientale ha senso solo se progettata e pensata a lungo termine, nella lunga durata – sottolinea l’Assessore provinciale all’Ambiente Renzo Crescioli, anche lui domani presente alla festa di Greve -. Riciclabilandia rappresenta un progetto che da undici anni la Provincia propone con successo ai bambini ed alle scuole del territorio per giocare e riflettere su raccolta differenziata, riciclaggio dei rifiuti e sviluppo sostenibile. L’augurio è che i bambini di oggi crescano con la consapevolezza che l’obiettivo di produrre meno rifiuti non è solo un sogno”. Riciclabilandia è il progetto di educazione ambientale che l’Assessorato all’Ambiente della Provincia di Firenze propone da undici anni alle scuole primarie e alle scuole dell’infanzia del territorio, con l’obiettivo di sensibilizzare i bambini, e le famiglie, al rispetto dell’ambiente. Per l’anno scolastico 2010-2011 Riciclabilandia ha concentrato le attività in un’area ristretta – il Chianti fiorentino – e su un tema più complesso e innovativo, rispetto alla sola raccolta differenziata. Si è parlato infatti di riduzione dei rifiuti; il tutto in collegamento con un progetto più ampio che interessa proprio i quattro comuni del Chianti Fiorentino e che prende il nome di “Chianti Waste Less”, presentato anche all’ultima edizione di Terra Futura. Il progetto si è articolato in varie fasi: una prima caratterizzata dagli incontri per insegnanti, di tipo formativo-organizzativo delle attività da seguire; successivamente lo sviluppo del progetto nelle scuole, con percorsi educativi incentrati sul rispetto dell’ambiente, interventi di operatori e ‘ispettori’ nelle classi, assunzione di comportamenti concreti in ciascuna classe finalizzati alla riduzione dei rifiuti. Tra gli strumenti informativi legati al progetto, confermato il successo de “l’Eco di Riciclabilandia”, giornalino realizzato con i lavori svolti dalle scuole e distribuito in tutte le classi partecipanti. Oltre all'”Eco” sarà distribuita ai bambini anche la borraccetta di Waste-less realizzata con alluminio riciclabile, e presentato dalla Provincia di Firenze in occasione di Terra Futura 2011. Le feste conclusive di Riciclabilandia, oltre all’appuntamento di Greve, sono previsti anche a Tavarnelle Val di Pesa (27 maggio), e a Barberino Val d’Elsa (6 giugno).