• Articolo , 19 marzo 2010
  • Rifiuti, accordo con le associazioni di categoria

  • “Accordo di programma per la gestione dei rifiuti agricoli”, siglato il 19 marzo scorso il rinnovo dell’accordo tra la Provincia di Viterbo le associazioni di categoria. L’accordo permette alle imprese agricole di semplificare e razionalizzare le procedure di recupero e smaltimento dei propri rifiuti agricoli. Palazzo Gentili si è impegnato a perseguire politiche ambientali finalizzate […]

“Accordo di programma per la gestione dei rifiuti agricoli”, siglato il 19 marzo scorso il rinnovo dell’accordo tra la Provincia di Viterbo le associazioni di categoria. L’accordo permette alle imprese agricole di semplificare e razionalizzare le procedure di recupero e smaltimento dei propri rifiuti agricoli.

Palazzo Gentili si è impegnato a perseguire politiche ambientali finalizzate alla realizzazione di una gestione integrata dei rifiuti e alla promozione di buone pratiche da parte dei cittadini e delle imprese, in particolar modo indirizzando la gestione verso pratiche di riduzione, recupero e riciclo dei rifiuti.

In particolare, vista l’entrata in vigore del nuovo decreto ministeriale del 17/12/2009, con cui è stato istituito il sistema informatico di controllo della tracciabilità dei rifiuti, denominato “SISTRI”, si prevede che i produttori che conferiscono i propri rifiuti al servizio pubblico o ad altro circuito di raccolta, previa sottoscrizione dell’accordo di programma, non sono obbligati ad iscriversi al “SISTRI” se il trasposto viene effettuato in modo occasionale e per quantitativi non eccedenti i 30 kg o 30 lt.

Tale accordo quindi, nel rispetto dei principi previsti dal Decreto legislativo 152/2006, si propone di costituire un sistema di gestione dei rifiuti agricoli che favorisca la raccolta differenziata il recupero e il riciclaggio di tali tipologie di rifiuto e, comunque, il corretto smaltimento degli stessi, semplificando al tempo stesso le procedure a carico delle imprese e aumentando l’efficacia dei controlli.