• Articolo , 2 maggio 2008
  • Rigenergia: da 8/5 ad Aosta il meglio delle fonti rinnovabili

  • Didattica energetica, educazione ambientale, laboratori, spettacoli, animazioni, convegni e le migliori esperienze internazionali in materia di energie rinnovabili e sostenibili sono un tutt’uno a Rigenergia 2008, la seconda edizione della rassegna ideata dalla Camera di Commercio, sostenuta dalla Regione autonoma Valle d’Aosta e patrocinata dall’Istituto per il commercio estero. Da giovedì 8 maggio la città […]

Didattica energetica, educazione ambientale, laboratori, spettacoli, animazioni, convegni e le migliori esperienze internazionali in materia di energie rinnovabili e sostenibili sono un tutt’uno a Rigenergia 2008, la seconda edizione della rassegna ideata dalla Camera di Commercio, sostenuta dalla Regione autonoma Valle d’Aosta e patrocinata dall’Istituto per il commercio estero.
Da giovedì 8 maggio la città di Aosta diventa così la capitale del risparmio energetico mettendo a disposizione di espositori e visitatori, in piazza Plouves, a ridosso della cinta muraria romana, 3000 metri quadrati coperti da una tensostruttura. Saranno presenti, tra l’altro 80 espositori italiani e internazionali in rappresentanza di oltre 120 marchi di produttori di sistemi per il risparmio energetico, le energie rinnovabili e la riduzione delle emissioni. “Rispetto alla passata edizione – spiega Pierantonio Genestrone – quest’anno si è pensato ad un’area espositiva per ospitare con gli 80 espositori, anche un tecnocamp, uno stand per la didattica energetica ed un laboratorio”. Il Tecnocamp è una sala conferenze che sarà operativa già giovedì mattina quando, a partire dalle ore 10, si svolgerà il seminario sui Programmi Europei e strumenti regionali a supporto delle imprese nel settore dell’Energia. Nel pomeriggio, alle 15, avrà luogo invece la cerimonia inaugurale di Rigenergia, nel corso della quale interverranno il presidente Genestrone, il presidente della Regione Luciano Caveri, gli assessori regionali Leonardo la Torre e Laurent Vierin, e il direttore Scientifico del Kyoto Club, Gianni Silvestrini. Venerdì 9, dalle 9 alle 14, il Tecnocamp si trasformerà in una Borsa internazionale della cooperazione durante la quale le imprese si incontreranno per verificare la possibilità di
dar vita a nuovi progetti, instaurare sinergie e avviare collaborazioni scientifiche e commerciali.