• Articolo , 1 febbraio 2010
  • Rinnovabili, al 2020 la Spagna supererà l’obiettivo UE

  • L’Ewea si compiace delle ottime previsioni fornite da Madrid sulla crescita delle eco-energie nazionali ed incoraggia a puntare ancora una volta sulle potenzialità eoliche

(Rinnovabili.it) – La Spagna, attuale titolare della Presidenza di turno dell’UE e uno dei leader mondiali nel settore dell’energia eolica, secondo quanto riferiscono i documenti presentati da Madrid alla Commissione europea, è sulla strada giusta per superare il suo obiettivo 2020 nell’ambito fonti rinnovabili del 2,7%. Il rapporto redatto dal Governo la scorsa settimana contiene le previsioni di produzione in base ai target stabiliti dalla Direttiva “20-20-20”, contenente, tra le altre cose, la quota di produzione “pulita” da raggiungere obbligatoriamente.
“La stima iniziale … è che la quota di energia da fonti rinnovabili in Spagna nel consumo finale lordo di energia passerà dal 10,5% del 2008 al 22,7% del 2020, a fronte della percentuale stimata del 20%”. Nel 2012 la quota delle energie rinnovabili salirà al 15,5% e 18,8% nel 2016 secondo le previsioni del documento, precursore dei Piani d’azione nazionali per promuovere le rinnovabili che devono essere presentate alla Commissione entro il 30 giugno 2010.
E ben accoglie questi dati l’Ewea che attraverso Jacopo Moccia, Regulatory Affairs Advisor dell’Associazione fa sapere: “E ‘incoraggiante vedere che alcuni Stati membri stiano mirando a superare i propri obiettivi per il 2020. Nel caso della Spagna, l’energia eolica gioca un ruolo importante nelle previsioni ottimiste del Paese”. L’industria in tal senso prevede che la capacità nazionale di energia eolica salirà da poco più di 19.000 MW nel 2009, fino a 42.500 MW entro il 2020.