• Articolo , 19 novembre 2009
  • Rinnovabili: aumentano i progetti low carbon in Australia

  • La produzione energetica dell’Australia dovrà essere, per il 20%, generata da fonti non fossili. Uno studio rileva che il Paese sta andando nella giusta direzione puntando sull’eolico

(Rinnovabili.it) – Le centrali eoliche rappresenteranno circa il 20% del ‘pacchetto’ di progetti energetici australiani programmati per i prossimi anni. Lo rivela un rapporto del governo da cui si evince che l’introduzione di leggi incentrate sulle energie rinnovabili sono lo sprone principale al continuo incremento della tecnologia a basse emissioni di carbonio sul territorio nazionale.
La conferma arriva direttamente dallo studio ‘Electricity generation’, che ha rilevato che su un totale di 18 nuovi progetti a breve termine, 9 sono riservati alle rinnovabili: nel dettaglio 8 impianti eolici che entreranno in funzione nel 2011 con una capacità totale di 733 MW ed una nuova centrale idroelettrica.
“Il significativo numero di progetti incentrati sullo sfruttamento del vento riflettono in parte il target di rinnovabili richiesto e la competitività del mercato eolico rispetto ad altre tecnologie meno mature che mirano a sfruttare le fonti rinnovabili”.
Il target, diventato un obbligo di legge nello scorso agosto, prevede che il 20% dell’energia prodotta nel Paese provenga da fonte non fossile.
Nonostante la spirale in crescendo per la progettazione e realizzazione di wind farm, la fame di combustibili fossili sembra non trovare sazietà in alcun modo e le richieste autorizzative per nuovi centrali a carbone o impianti alimentati con fonti non rinnovabili continuano ad aumentare: equivalgono al 76% delle richieste, dato di poco inferiore rispetto all’anno precedente, quando la percentuale equivaleva all’86%.