• Articolo , 19 gennaio 2010
  • Rinnovabili: certificati verdi “made in India”

  • La Central Electricity Regulatory Commission indiana ha annunciato le norme della certificazione energetica rinnovabile nel tentativo di promuovere la produzione di energia da fonti pulite nel paese.

(Rinnovabili.it) – Il Regolatore dell’Energia indiano ha annunciato oggi la creazione della normativa necessaria al commercio dei titoli per l’energia verde, sistema di certificazione volto a premiare i produttori di energia pulita. L’attesa politica di regolamentazione aiuterà il Paese asiatico ad aprire il proprio mercato energetico conciliando un’economia in rapida espansione con uno sviluppo a basso tenore di carbonio.
Come ha riferito la Central Electricity Regulatory Commission, la normativa creerà un mercato a livello nazionale per l’acquisto e la vendita di tali certificati, ognuno dei quali sarà equivalente a un megawatt/ora di energia elettrica immesso nella rete. Verrà istituito un organismo a livello federale per il rilascio dei certificati. “A parte i crediti di carbonio, che sono soggetti ad una serie di protocolli internazionali e scadenze, questo schema fornirà un supporto interno per i progetti di energia rinnovabile all’interno del paese”, ha detto Vinod Kala, amministratore delegato di Emergent Ventures India, società di consulenza ambientale. “L’idea si propone di affrontare il divario tra la disponibilità di fonti di energia verde e l’esigenza dei soggetti obbligati all’acquisto di rinnovabili”. L’ineguale distribuzione del potenziale energetico pulito in India ha finora scoraggiato gli Stati interni con minor produzione di energia da fonti rinnovabili dall’impegnarsi in obblighi di acquisto alti. Rimangono tuttavia delle questioni in sospeso, come fa notare lo stesso Kala, a partire dalla necessità di chiarezza sul tipo di sanzioni che verranno attuate se le imprese di distribuzione non soddisfano i loro obiettivi di energia rinnovabile.