• Articolo , 8 gennaio 2008
  • Rinnovabili e bioedilizia: l’Ue punta all’innovazione

  • Edilizia sostenibile, ed energie rinnovabili: sono questi secondo la Commissione europea alcuni dei settori da sostenere per favorire lo sviluppo economico e sociale dell’Unione

Con l’iniziativa “Mercati di punta per l’Europa” (Lead Market Initiative for Europe), la Commissione europea sta proponendo di aprire il potenziale campo finanziario dei beni e servizi innovativi, ad un primo lotto di sei importanti mercati, comprendenti l’edilizia sostenibile, energie rinnovabili, l’uso innovativo di prodotti biologici, il riciclaggio oltre all’eHealth (assistenza sanitaria) ed ai tessuti di protezione. Eliminando gli ostacoli all’innovazione in questo gruppo di mercati, secondo i calcoli dell’esecutivo, si potrebbe giungere a un giro d’affari di 300 miliardi di euro e ad oltre 3 milioni di posti di lavoro nell’Ue nel 2020, producendo tra l’altro rapidamente vantaggi visibili per i consumatori europei. “Mercati di punta” mira a favorirne lo sviluppo migliorando la normativa, incoraggiando gli appalti pubblici e sviluppando standard interoperabili, di modo da consentire alle imprese europee di entrare a condizioni eque in nuovi mercati mondiali, godendo d’un vantaggio competitivo. Le azioni della Ue, ha spiegato il vicepresidente della Commissione europea Günter Verheugen, puntano a sviluppare mercati favorevoli all’innovazione in un modo più mirato, di modo da creare “le condizioni per facilitare la commercializzazione dei prodotti e servizi innovativi”, e da rendere l’Europa leader in questi importanti settori. Da “Key4biz”:Http://http://www.key4biz.it/News/2008/01/08/e-Society/Beni_e_servizi_Ue_Mercati_di_punta_ostacoli_innovazione_ehealth_riciclaggio_biologico.html del 08/01/08 di (a.t)