• Articolo , 8 luglio 2008
  • Rinnovabili, finanziamenti più facili per le imprese agricole

  • L’utilizzo e la diffusione di fonti di energia rinnovabili in agricoltura non è soltanto un’inversione di paradigma o un problema di informazione. Gli investimenti necessari per produrre energia pulita richiedono forme di collaborazione tra i soggetti coinvolti, per sviluppare conoscenza, buone pratiche ed in particolare agevolazioni nei finanziamenti. Le Banche di credito cooperativo, Agrifidi Bologna […]

L’utilizzo e la diffusione di fonti di energia rinnovabili in agricoltura non è soltanto un’inversione di paradigma o un problema di informazione. Gli investimenti necessari per produrre energia pulita richiedono forme di collaborazione tra i soggetti coinvolti, per sviluppare conoscenza, buone pratiche ed in particolare agevolazioni nei finanziamenti. Le Banche di credito cooperativo, Agrifidi Bologna e Legambiente Emilia-Romagna fanno rete per favorire lo sviluppo di energie “pulite” in agricoltura. Con l’estensione nei giorni scorsi ad Agrifidi Bologna dell’accordo quadro del 2007 tra la Federazione delle banche di credito cooperativo dell’Emilia-Romagna (soggetto che rappresenta 24 istituti) e Legambiente, diventa operativa un’alleanza che punta ad estendere capillarmente l’accesso ai finanziamenti per le imprese agricole della Provincia di Bologna. L’accordo permetterà da un lato agli associati di Agrifidi Bologna di usufruire di finanziamenti molto vantaggiosi per l’installazione di impianti, dall’altro consentirà alle Banche di credito cooperativo di beneficiare della garanzia del Confidi. Un finanziamento a tasso agevolato che significa per i soggetti interessati la possibilità concreta di realizzare impianti solari termici, fotovoltaici, eolici, mini-idroelettrici, da biomasse, con mini-cogenerazione e sistemi di efficienza energetica, beneficiando oltretutto anche dei contributi derivanti dagli Enti territoriali convenzionati con Agrifidi (Regione, Province e Comuni), cosa che rende ulteriormente attrattivo l’investimento. In particolare, saranno finanziabili fino a vent’anni progetti di ammontare massimo di 200mila euro ad un tasso variabile Euribor lettera a sei mesi, maggiorato al massimo dello 0,75%. L’obiettivo dichiarato dei partner è l’estensione dell’accordo a tutti gli Agrifidi della Regione che ne faranno richiesta.