• Articolo , 12 novembre 2008
  • Rinnovabili: Francia al secondo posto in Europa

  • Il campo maggiormente utilizzato è quello idraulico, in rapida ascesa eolico e solare fotovoltaico e termico, il geotermico in fase di applicazione

Secondo stime dell’Ademe (Agence de l’environnement et de la maîtrise de l’énergie) la Francia risulta essere il secondo paese europeo per le energie rinnovabili. La loro distribuzione specifica vede l’energia idraulica quale prima fonte di energia rinnovabile (il 91% dell’intera produzione di elettricità), mentre l’energia eolica è raddoppiato il passo raggiungendo il 3,5%. L’energia proveniente dalla combustione del legno resta stabile al 2,3%, mentre quella derivante dal riciclaggio dei rifiuti urbani costituisce il 2,5%. Quanto all’energia solare, fotovoltaica e termica, l’Agenzia rileva un rapido aumento, tanto che secondo la stessa Ademe, nel 2006 la capacità dei collettori solari collegati alla rete è raddoppiata. Per quanto riguarda il campo della geotermia, la produzione di energia da fonte geotermica dovrebbe svilupparsi nei prossimi anni come conseguenza del continuo aumento del costo dei combustibili fossili usati per il riscaldamento domestico. A ciò vanno ad aggiungersi l’energia proveniente dalle pompe di calore, nonché dai rifiuti agricoli e dalla biomassa. Il settore del risparmio energetico e delle energie rinnovabili, quindi, ha generato oltralpe nel 2007 un fatturato di 33 miliardi di euro (tra produzione, abitazioni e trasporti) e dà lavoro a 220.000 persone. La Francia ha dato alla lotta al surriscaldamento globale la precedenza assoluta durante il semestre di presidenza dell’Unione Europea, confermando gli obiettivi fissati dall’UE nel marzo 2007, ossia la riduzione del 20% dei consumi totali di energia primaria entro il 2020. Secondo la stima dell’Observatoire d’Energie, la produzione francese di elettricità da fonti rinnovabili è stata stimata nel 2007 pari al 13% (12% nel 2006) dei consumi interni totali. Il governo francese ha inoltre lanciato Ecotech 2012, un piano di sostegno per permettere al settore di reggere le sfide del mercato, tale piano è stato affidato alla Commissione Strategica per l’Eco-Industria che presenterà le sue conclusioni durante Pollutec 2008 a Lione il 4 e 5 dicembre.