• Articolo , 24 febbraio 2010
  • Rinnovabili: la Provincia invita i comuni ad approvare strumenti di pianificazione urbanistica

  • Il Presidente Gabellone: “Occorre limitare la diffusione incontrollata degli impianti fotovoltaici, ma la materia andava meglio regolamentata dalla Regione”. Approvata all’unanimità una deliberazione del Consiglio Provinciale. Il Consiglio Provinciale del 24 febbraio ha approvato all’unanimità, al termine di un ampio ed articolato dibattito, una deliberazione in materia di installazione di impianti per l’energia rinnovabile sul […]

Il Presidente Gabellone: “Occorre limitare la diffusione incontrollata degli impianti fotovoltaici, ma la materia andava meglio regolamentata dalla Regione”. Approvata all’unanimità una deliberazione del Consiglio Provinciale.
Il Consiglio Provinciale del 24 febbraio ha approvato all’unanimità, al termine di un ampio ed articolato dibattito, una deliberazione in materia di installazione di impianti per l’energia rinnovabile sul territorio salentino.
Secondo il provvedimento deliberato, è necessario che i Comuni si dotino di adeguati strumenti di pianificazione urbanistica, soprattutto allo scopo di arginare il diffondersi del fotovoltaico “selvaggio” e, più in generale, dell’installazione incontrollata degli impianti di energia rinnovabile.
Il Presidente della Provincia, Antonio Gabellone, ha ricordato come “la materia andava meglio regolamentata dalla Regione Puglia”.
“E’ vero che la legge regionale attribuisce ai Comuni il potere di decidere sulle aree destinate agli insediamenti di questo tipo – ha chiarito il Presidente – ma diverso sarebbe stato se la legge avesse stabilito che la realizzazione degli impianti fotovoltaici poteva essere autorizzata a condizione che i Comuni fossero dotati di una pianificazione in tal senso del territorio”.
Gabellone ha poi ribadito la necessità che la Regione trasferisca alle Province le deleghe sull’argomento, proprio perché sono queste a conoscere complessivamente il proprio territorio, con le sue caratteristiche naturali e paesaggistiche, veri e propri strumenti di sviluppo. (A.Q.)