• Articolo , 1 luglio 2011
  • Rinnovabili, nei Piccoli Comuni impianti in crescita

  • La quota percentuale di energia prodotta tramite le fonti energetiche rinnovabili è cresciuta notevolmente di anno in anno in Italia. È soprattutto nei Piccoli Comuni che si rileva il maggior numero di impianti da fonte rinnovabile. Tale valore è in costante crescita, indice di come in questi comuni vi sia una grande attenzione a tali […]

La quota percentuale di energia prodotta tramite le fonti energetiche rinnovabili è cresciuta notevolmente di anno in anno in Italia. È soprattutto nei Piccoli Comuni che si rileva il maggior numero di impianti da fonte rinnovabile. Tale valore è in costante crescita, indice di come in questi comuni vi sia una grande attenzione a tali tematiche. La fonte di energia rinnovabile maggiormente diffusa nei PC è il fotovoltaico: sono 4.988 i comuni in cui è installato almeno un impianto (l’87% ca. dei PC) su un totale di 7.273 amministrazioni comunali in cui è localizzata tale installazione (il 90% circa). Seguono a grande distanza il mini idroelettrico (689, il 72,8% del totale) e l’eolico (228, il 61%).
Sono i comuni con popolazione tra 1.001 e 2.500 abitanti a contare tra i piccoli comuni il più alto numero di impianti ad energia rinnovabile (2.462, il 40,7% del totale degli impianti nei PC).
Per quanto riguarda il fotovoltaico, il maggior numero di PC in cui è installato un impianto è localizzato in Lombardia (1.019, pari al 20,4% dei PC fotovoltaici) e in Piemonte (906, il 18,2%). Al sud si rilevano invece valori inferiori: quelli più elevati sono dei PC sardi (5,9%) e calabresi (5,5%). Per quanto riguarda il geotermico, ancora una volta sono i PC lombardi e piemontesi (questa volta a posizioni invertite, però) ad aver installato il maggior numero di impianti (rispettivamente, 29 e 56, il 22,3% e 43,1% del totale), seguiti da quelli toscani (12, il 9,2% del totale) e del Trentino – Alto Adige (11, l’8,5%). I Piccoli Comuni dell’eolico, invece, sono prevalentemente concentrati nelle regioni del sud, ed in particolare in Campania (31, il 13,6% del totale), della Puglia (28, il 12,3%) e della Sicilia (25, l’11%). Infine, guardando al mini idroelettrico sono i PC piemontesi e toscani a registrare i più alti valori (rispettivamente 161 impianti, il 23,4% e 155, il 22,5%).
I dati sul numero di impianti per la produzione di energia elettrica da fonti rinnovabili installati su edifici comunali è elevato (201), segno dell’attenzione che i piccoli centri dedicano al tema dell’ambiente e del risparmio energetico. La maggior concentrazione si rileva nel nord del Paese, per i PC lombardi (64 comuni, poco meno di un terzo del totale), seguita dai PC altoatesini (27, pari al 13,4% del totale dei PC), piemontesi (19, il 9,5%) e veneti (18, il 9%). Sono, invece, valori ancora piuttosto bassi quelli che si rilevano al sud: soltanto in Sardegna ed in Calabria si rilevano complessivamente 15 PC produttori di energia rinnovabile su edifici di propria proprietà. (am)