• Articolo , 28 giugno 2010
  • Rinnovabili: procedura per l’identificazione di impianti e produttori

  • Il Gestore per i Servizi Elettrici rende nota il metodo per la fornitura ai clienti finali delle informazioni sulla composizione del mix energetico elettrico

(Rinnovabili.it) – Elettricità trasparente. Questo l’obiettivo dietro alla procedura per ottenere il “Fuel Mix Disclosure”, ossia le informazioni sul mix di fonti impiegato dai produttori per ottenere l’elettricità. L’articolo 1, comma 5, del decreto-legge 18 giugno 2007, stabilisce che le imprese di vendita di energia elettrica forniscano, nelle fatture e nel materiale promozionale inviato ai propri clienti finali, le informazioni sulla composizione del mix impiegato per la fornitura nel periodo dei due anni precedenti e indichino le fonti informative disponibili sull’impatto ambientale della produzione, utili al fine di risparmiare energia. In visione di questo e del decreto recante “Criteri e modalità per la fornitura ai clienti finali delle informazioni sulla composizione del mix energetico utilizzato per la produzione dell’energia elettrica fornita, nonché sull’impatto ambientale della produzione”, il GSE rende pubblica la “procedura”:http://www.gse.it/GSE%20Informa/Documents/procedura%20CO%20_FER_definitiva.pdf con cui si è in grado pertanto di identificare i produttori, la fonte impiegata, con la sicurezza di una certificazione se energia rinnovabile.
Inoltre permette di “trasferire dal produttore alle imprese di vendita le certificazioni rilasciate dal GSE, secondo principi di trasparenza e di tracciabilità, in modo da garantire che una certificazione risulti sempre nella titolarità di un solo soggetto”. Il Gestore sta inoltre predisponendo le piattaforme informatiche e le guide operative cui avranno accesso produttori, imprese di vendita e trader.