• Articolo , 24 settembre 2010
  • Rinnovabili, sgravi Tremonti Ter e CV non cumulabili

  • Il Gestore fornisce agli operatori alcune delucidazioni in merito alla ‘non cumulabilità’ della detassazione prevista dalla Legge del 3 agosto 2009 n.102 con gli incentivi alle eco-energie, quali certificati verdi e Tariffa Omnicomprensiva

(Rinnovabili.it) – Il chiarimento arriva, necessario, dopo le numerose domande avanzate da coloro che operano nel campo delle FER. Una situazione poco chiara si era infatti creata in merito alle agevolazioni fiscali previste della Tremonti Ter, ossia la detassazione dal reddito d’impresa normata per gli investimenti in nuovi macchinari e in nuove apparecchiature, facendo sorgere il dubbio se fosse o meno usufruibile in caso di contemporaneo percepimento della Tariffa Fissa Onnicomprensiva o dei Certificati Verdi.
Le richieste di chiarimenti arrivate al Gestore dei Servizi Elettrici hanno indotto il Ministero dello Sviluppo Economico ad avviare una verifica in materia di cui oggi lo stesso GSE fornisce i risultati: gli incentivi per la produzione di energia pulita non sono in alcun modo cumulabili con le agevolazioni fiscali previste dalla Legge del 3 agosto 2009 n.102.
Lo sgravio fiscale operato dalla Tremonti Ter, che ricordiamo non è stato prorogato per il 2011, configura a detta del Gestore “un risparmio di spesa e costituisce di per sé un contributo pubblico incompatibile, in quanto tale, con gli incentivi previsti per la produzione da fonti rinnovabili dalla Finanziaria 2008 (Legge 244/2007), come modificata dalla Legge 99/2009”.
“E’ invece possibile cumulare – spiega il GSE in una nota stampa – nel limite del 40% dell’investimento, certificati verdi o tariffa onnicomprensiva con contributi pubblici, incluse le agevolazioni fiscali suddette, per gli impianti a biomasse di filiera (certificati verdi – DM 18/12/2008) e per impianti di proprietà di aziende agricole o gestiti in connessione con aziende agricole (tariffa onnicomprensiva – Legge 99/2009)”.