• Articolo , 10 maggio 2010
  • Rio de Janeiro 2016, le Olimpiadi più verdi della storia?

  • Per l’edizione brasiliana gli architetti svizzeri del RAFAA hanno immaginato una torre alta 105 metri capace di integrare fotovoltaico e idroelettrico, per fornire energia al villaggio olimpico e ridurre l’impatto ambientale della manifestazione

(Rinnovabili.it) – Gare sportive a parte, di anno in anno le varie edizioni dei Giochi Olimpici sono divenute una vera e propria competizione nel campo della sostenibilità, focalizzata al continuo sorpasso di standard e realizzazioni in nome dell’ecofriendly. Se le Olimpiadi di Vancouver sembrano già destinate ad essere superate, nel loro carattere ‘green’, dall’evento londinese del 2012, c’è chi come sta cercando di alzare ulteriormente la posta e passare alla storia come i primi giochi carbon neutral.
Si tratta di Rio de Janeiro, che ospiterà la manifestazione estiva nel 2016, e che punta ambiziosamente ad annullare totalmente la propria impronta ecologica.
Per aiutare la città a raggiungere questo obiettivo gli architetti svizzeri della RAFAA Architettura e Design hanno disegnato Solar City Tower, una centrale elettrica solare che di giorno produce energia destinata al villaggio olimpico integrata ad un sistema di stoccaggio del surplus quotidiano: nel dettaglio attraverso un impianto di pompaggio l’acqua di mare verrebbe trasportata in cima alla torre, ad una altezza di 105 metri. Quest’ultima di notte lascerebbe cadere l’acqua per azionare diverse turbine idroelettriche poste alla base. In occasioni speciali l’acqua può anche essere pompata oltre i bordi della costruzione per creare un effetto visibile che gli architetti hanno ribattezzato “cascata urbana”.
Altrimenti la parete si accendere all’insegna dell’efficienza energetica con uno spettacolare sistema a LED, mentre la vetta offrirà una piattaforma di osservazione con vista a 360° su Rio e l’Oceano.