• Articolo , 31 gennaio 2010
  • Ripresi i lavori per posizionare il piezometro sull’Amiata

  • Dopo i problemi tecnici e amministrativi avuti dalla ditta che ha vinto l’appalto per l’installazione di un piezometro profondo sull’Amiata in località Poggio Trauzzolo, sono appena riprese le operazioni di perforazione. «Si tratta di inconvenienti tecnici – osserva l’assessore regionale alle risorse idriche, Marco Betti – che possono capitare, ai quali purtroppo si è aggiunto […]

Dopo i problemi tecnici e amministrativi avuti dalla ditta che ha vinto l’appalto per l’installazione di un piezometro profondo sull’Amiata in località Poggio Trauzzolo, sono appena riprese le operazioni di perforazione.
«Si tratta di inconvenienti tecnici – osserva l’assessore regionale alle risorse idriche, Marco Betti – che possono capitare, ai quali purtroppo si è aggiunto il decesso del titolare della ditta appaltatrice. Per questo gli uffici regionali avevano concesso una proroga di sessanta giorni. Prima della scadenza della proroga la ditta è stata in grado di riprendere i lavori, che ci aguriamo proseguano d’ora in poi con gli ottimi ritmi registrati nella fase iniziale».

I lavori, iniziati il 21 agosto scorso, dovevano terminare il 29 novembre, ma a fine settembre si sono verificate rotture delle aste di perforazione. I tentativi di recuperarle non avevano dato gli esiti sperati.
La ditta appaltatrice ha provveduto a novembre ad effettuare una nuova perforazione, senza costi aggiuntivi per la Regione, arrivando a quota 151 metri, ma a fine novembre si sono verificate altre rotture e i lavori sono stati sospesi.
Alla vigilia di Natale è stata concessa la richiesta proroga di due mesi,, necessaria per risolvere i problemi tecnici, mentre è di oggi la notizia della ripresa delle operazioni che, per recuperare i tempi perduti, procederanno su più turni di lavoro.