• Articolo , 11 aprile 2011
  • Riqualificazione edilizia, l’ENEA punta a ristrutturazioni anti-emissioni

  • Con l’obiettivo di proporre un nuovo piano di riqualificazione edilizia a carico dell’intero comparto Lelli, Commissario dell’ENEA, ha descritto opportunità e vantaggi a 360°

(Rinnovabili.it) – Ritenuto ad alto impatto ambientale il settore dell’edilizia rappresenta anche il comparto, insieme a quello dei trasporti, con il più ampio margine di miglioramento. E’ per questo che l’ENEA, grazie alla collaborazione dell’Unità Tecnica Efficienza Energetica ha proposto, durante l’incontro tenutosi oggi, un piano di riqualificazione che interessi la totalità degli edifici. Alla presenza dei rappresentanti del Ministero dello Sviluppo e del settore edilizio italiano l’ENEA ha voluto fare il punto sui possibili meccanismi da mettere in moto per attuare una serie di misure volte all’efficientamento delle strutture, per la riduzione della produzione di inquinanti e per il contenimento dei consumi energetici.
“Il settore dell’edilizia presenta, insieme a quello dei trasporti, il potenziale più alto di risparmio energetico. Tenuto conto che il 65% degli edifici è stato realizzato prima dell’entrata in vigore dei primi provvedimenti sull’efficienza energetica, che risalgono a metà degli anni ‘70, è evidente che esistono grandi opportunità di intervento, con promettenti ricadute economiche e di risparmio energetico – ha evidenziato l’ing. Giovanni Lelli, Commissario dell’ENEA – Se i vantaggi ambientali, la riduzione della bolletta energetica nazionale e quella dei singoli cittadini sono gli obiettivi prioritari che questa azione persegue, altrettanto significativi sono gli aspetti legati allo sviluppo di nuove opportunità per il mercato dell’edilizia, a cui l’ENEA, nel suo ruolo di Agenzia, è particolarmente attenta”.
I traguardi, tutti con l’obiettivo comune di riqualificare edifici già esistenti, propongono un’attenta valutazione del rapporto costi-benefici puntando sulla qualità dei lavori per garantire alla filiera uno sviluppo concreto.