• Articolo , 3 marzo 2008
  • Risparmiare energia in ufficio? Ecco il decalogo di Greenpeace

  • L’associazione ambientalista promuove dieci regole auree per dare un taglio ai consumi energetici nei luoghi di lavoro

Iniziare ad aiutare l’ambiente lavorando. Dopo i dieci consigli per un Natale “verde” e quelli per un San Valentino ecologico, Greenpeace promuove ora un altro decalogo del risparmio energetico, stavolta per l’ufficio. Ecco semplici consigli che aiuteranno tuttavia, a tagliare i consumi di energia elettrica nei luoghi di lavoro:
1. Acquista i prodotti a maggior efficienza energetica (quelli col marchio di risparmio energetico dovrebbero avere un tasto di spegnimento che li distacchi totalmente dalla corrente, oppure dovrebbero consumare non più di 1 watt in modalità stand-by).
2. Usa lampade fluorescenti compatte a risparmio energetico.
3. Installa sistemi di illuminazione intelligente: utilizza tubi al neon efficienti T5 e T8, con alimentatori che regolano l’intensità integrando la luce naturale, e sensori di presenza in sala riunioni o nei bagni in mondo che le luci si accendano automaticamente se entra qualcuno.
4. Ottimizza l’uso dello stand-by.
5. Abbatti i consumi del monitor, installando Nerooogle come pagina iniziale su internet e abbassa la luminosità dello schermo.
6. Stacca la spina: stampanti e fotocopiatrici, Hi-fi, apparecchi tv, videoregistratori, PC e tutti gli accessori annessi continuano a consumare elettricità anche se in modalità standby. Stacca la spina o usa una presa multipla con interruttore che ti permetta di spegnere tutto con un semplice click a fine giornata, soprattutto il venerdì sera. Ricordati di non lasciare inseriti caricabatterie e trasformatori: consumano anche quando non vengono usati.
7. Non riscaldare più del necessario.
8. Installa vetri isolanti, o convinci il datore di lavoro a farlo.
9. Area le stanze velocemente.
10. Riduci lo spazio da riscaldare in ufficio installando controsoffitti dov’è possibile.