• Articolo , 2 dicembre 2008
  • Risparmio energetico. Regalo all’ambiente: illuminazione a led

  • Il piccolo Borgo Trevi da l’esempio seguendo quello statunitense indstallando decorazioni natalizie illuminate a led, con le quali si permetterà una riduzione del consumo di energia elettrica e, conseguentemente, di anidride carbonica immessa in atmosfera

Il primo caso di albero di Natale illuminato secondo il criterio di risparmio energetico è stato quello storico al Rockefeller Center di New York, con 30.000 luci al led risparmiando circa i due terzi dell’energia se si fossero utilizzate lampadine tradizionali. Borgo Trevi, piccola frazione in provincia di Perugia, quest’anno segue l’esempio statunitense e predispone per il proprio territorio l’illuminazione natalizia all’insegna del risparmio energetico e della tutela ambientale. Sebbene di fatto si tratti di un modesto contributo all’ambiente, questo rappresenta un importante passo avanti della coscienza ambientale che inizia finalmente a crescere e ad insinuarsi anche nelle tradizioni più comuni, come il Natale. Non volendo rinunciare, infatti, alla classica atmosfera natalizia evocata dalla tradizionale illuminazione delle principali vie e piazze, l’Amministrazione comunale di Trevi e l’Associazione ARCO (che raccoglie artigiani e commercianti di Borgo Trevi) hanno deciso di installare decorazioni natalizie illuminate a led, garantendo così un notevole risparmio di energia elettrica a cui corrisponde una riduzione di CO2 immessa in atmosfera. Sottolineando il forte impegno e coinvolgimento cittadino il Sindaco di Borgo Trevi, Giuliano Nalli, ci tiene a elogiare la propria comunità e la forte sensibilità sui temi ambientali che la caratterizza, contribuendo e condividendo le scelte che l’amministrazione comunale sta portando avanti in campo ambientale, a partire dalla certificazione ambientale EMAS. L’iniziativa è stata accolta favorevolmente anche dall’Assessore al Commercio Marco Broccatelli, il quale sottolinea come, nonostante il maggiore impegno economico che i commercianti e non solo hanno dovuto affrontare, solo l’unione delle parti, (istituzioni, associazioni, cittadini, attività commerciali e produttive) può portare al bene unico e comune dell’ambiente e dell’uomo nell’ambiente. In sostanza è l’atteggiamento che si richiede non solo alle piccole comunità ma prima di tutto a livello nazionale e di conseguenza a livello globale. La comunità, infatti, ha saputo riportare alla propria dimensione ciò che sarebbe necessario su una dimensione più estesa, credendo nel beneficio futuro sia in termini di risparmio economico nel consumo dell’elettricità, che in termini di benefici per l’ambiente. Di fatto si tratta di un importante regalo di Natale per il nostro ecosistema e per noi stessi, ora, il desiderio sotto l’albero a led è che più comunità decidano di farsi lo stesso regalo.