• Articolo , 8 gennaio 2009
  • Ristrutturazioni edili: Realacci chiede il ripristino del bonus fiscale

  • Ripristinare subito gli incentivi che favoriscono le ristrutturazioni degli edifici in senso eco-compatibile e di autonomia energetica. E sollecita il governo a ripensare al ricorso al nucleare

In una dichiarazione di oggi a Radio Radicale Ermete Realacci, ministro dell’ambiente ombra, ha ammonito il governo. “Di fronte alla crisi energetica di questi giorni c’è una misura molto concreta ed efficace che il governo deve ripristinare e rafforzare ed è quella che è stata sterilizzata nel decreto anticrisi, cioè il credito d’imposta per famiglie e imprese che introducessero nell’edilizia esistente misure di risparmio energetico e di ricorso a fonti rinnovabili con un rimborso delle spese sostenute fino al 55% – ribadisce ancora Realacci – E’ una misura che va ripristinata in questi giorni – visto il ricorrere di queste crisi è il primo provvedimento da adottare, visto che a parità di superficie una casa italiana consuma oggi più del doppio di una casa tedesca, irlandese o svedese, pur essendo l’Italia dotata di un clima meno aggressivo rispetto a quello di questi paesi. Questo da solo comporterebbe un risparmio energetico di molto superiore rispetto a quello che deriverebbe dal piano nucleare annunciato dal governo ed anche rispetto alle riduzioni eventuali di forniture che possono venire dalla Russia. Bisogna partire da qui, la risposta deve arrivare in questi giorni”.