• Articolo , 3 settembre 2007
  • Rothe: il solare non è un lusso!

  • La vicepresidente Rothe ha esortato ogni Paese Ue a contribuire allo sviluppo delle rinnovabili. “Non è il clima la condizione principale, bensì le scelte di politica energetica del Paese”, ha aggiunto

Nel corso della ventituesima edizione dell’European Photovoltaic Solar Energy Conference in corso alla Fiera Milano, sono arrivate importanti dichiarazioni da parte di Mechtild Rothe, vicepresidente del Parlamento Europeo. “Nei prossimi anni avremo bisogno di un grosso salto in avanti a livello di politica europea per quanto riguarda lo sfruttamento dell’energia solare, se vogliamo raggiungere il nostro obiettivo: portare al 20% la quota delle energie rinnovabili nei consumi della UE entro il 2020”. “Ognuno dei 27 Paesi dell’Unione – ha aggiunto la Rothe – dovrà contribuire in modo equo, facendo ciò che può per aumentare le proprie quote di energia prodotta da fonti rinnovabili. Non è vero che questo tipo di energia è un lusso accessibile solo per i Paesi ricchi, basta vedere il prezzo del petrolio che sale per capire che si tratta di una scelta anche economica”. “Il fatto che la Germania sia il Paese leader in Europa nella produzione di energia solare – ha concluso la vicepresidente – dimostra che non è il clima la condizione principale, bensì le scelte di politica energetica del Paese”. (fonte Ansa)