• Articolo , 29 aprile 2011
  • S.A.G. Solarstrom AG: 12 MWp dei 48 MWp fotovoltaici del progetto veneto già collegati alla rete

  • S.A.G. Solarstrom AG, ha completato oggi la prima fase di costruzione del progetto da 48 MWp fotovoltaici nella regione Veneto, Italia. 12 MWp saranno collegati alla rete elettrica pubblica attraverso la sottostazione ultra-moderna costruita appositamente per questo progetto. S.A.G. Solarstrom AG si è quindi assicurata un feed-in-tariff pari a 0,297 € per ogni kWh prodotti […]

S.A.G. Solarstrom AG, ha completato oggi la prima fase di costruzione del progetto da 48 MWp fotovoltaici nella regione Veneto, Italia. 12 MWp saranno collegati alla rete elettrica pubblica attraverso la sottostazione ultra-moderna costruita appositamente per questo progetto. S.A.G. Solarstrom AG si è quindi assicurata un feed-in-tariff pari a 0,297 € per ogni kWh prodotti dal progetto. La costruzione del progetto su larga scala è stata accelerata nel corso delle ultime settimane come il governo italiano aveva annunciato grazie ai cambiamenti del feed-in tariff a partire dal 1° giugno 2011.

“Abbiamo raggiunto una tappa importante in questo progetto con il completamento di tutta l’infrastruttura necessaria e la connessione alla rete dei primi 12 MWp”, dice il Dr. Karl Kuhlmann, amministratore delegato di SAG Solarstrom AG. “La connessione alla rete in Italia è ancora una sfida importante per diversi progetti fotovoltaici. E ‘quindi ancor più gratificante sapere che siamo stati in grado di attuare la connessione prima rispetto ai tempi originariamente previsti”.

L’impianto fotovoltaico sarà realizzato su un’area di 150 ha e dovrebbe essere completato entro la fine di agosto, in base allo stato di pianificazione attuale. Con 48 MWp, il sistema produrrà 64.000 MWh di elettricità all’anno e potrà quindi fornire circa 14.000 nuclei familiari medi. Per abilitare la connessione di rete veloce e più sicuro del sistema, SAG Solarstrom AG ha costruito una sottostazione di connessione a tempo di record, che permette al sistema di essere collegato direttamente con l’energia elettrica prodotta, immessa nella rete ad alta tensione.
La sottostazione è uno dei più moderni d’Italia. Si prevede di vendere all’italiana Terna SpA, che ha già eseguito il collaudo tecnico e la messa in opera della sottostazione.