• Articolo , 28 luglio 2009
  • Saglia: il Governo difenderà il termodinamico

  • Il Governo ha dichiarato che non taglierà i fondi al solare termodinamico anzi finanzierà il progetto per la costruzione di un elettrodotto sottomarino che favorirà la diffusione delle rinnovabili tra Europa e Africa

(Rinnovabili.it) – Il Governo ha dichiarato, a seguito della manifestata preoccupazione di numerose Associazioni impegnate nel settore delle energie rinnovabili in merito alla “mozione”:http://www.rinnovabili.it/solare-termodinamico-minacciato-da-una-mozione-800254 presentata al Senato dal Pdl, di non avere intenzione di ridurre i finanziamenti previsti per il solare termodinamico.
A dichiararlo il sottosegretario al ministero per lo Sviluppo economico con delega all’energia, Stefano Saglia, che ha presenziato alla presentazione odierna del “Rapporto Energia e Ambiente 2008” dell’Enea sottolineando la necessità di concentrare fondi per la ricerca che ha poi aggiunto. “C’è bisogno di fare ancora ricerca: il problema del solare termodinamico è che viene combinato con centrali termoelettriche tradizionali”.
A conclusione della presentazione Saglia ha aggiunto la volontà di portare avanti un progetto con Francia e Germania che mira alla diffusione del termodinamico nell’area del Mediterraneo attraverso la costruzione di un elettrodotto sottomarino a partire dalla costa tunisina per unire le sponde di Africa ed Europa favorendo così la diffusione delle rinnovabili in entrambe i continenti.