• Articolo , 16 dicembre 2010
  • Saipem si aggiudica nuovi contratti offshore per circa 700 milioni di dollari USA

  • Saipem si è aggiudicata nuovi contratti offshore del valore di circa 700 milioni di dollari USA. L’ammontare si riferisce a nuovi contratti acquisiti per attività da svolgersi tra il 2011 e il 2014, nel Golfo del Messico, in Kazakhstan, oltre a lavori nel Mare del Nord, in Azerbaijan e a incrementi dello scopo del lavoro […]

Saipem si è aggiudicata nuovi contratti offshore del valore di circa 700 milioni di dollari USA.
L’ammontare si riferisce a nuovi contratti acquisiti per attività da svolgersi tra il 2011 e il 2014, nel Golfo del Messico, in Kazakhstan, oltre a lavori nel Mare del Nord, in Azerbaijan e a incrementi dello scopo del lavoro su contratti offshore esistenti.
Nel settore statunitense del Golfo del Messico, Saipem ha acquisito da Amberjack Pipeline Company LLC, una partnership tra Chevron Pipe Line Company e Shell Pipeline Company LP il contratto per la condotta di esportazione di Walker Ridge, nell’ambito dello sviluppo dei giacimenti Jack e Saint Malo, situati 450 chilometri circa a sud di New Orleans, Louisiana, nell’area del Golfo del Messico statunitense denominata Walker Ridge.
Lo scopo del lavoro include il trasporto e l’installazione di una condotta di esportazione, del diametro di 24 pollici, per una lunghezza complessiva di circa 220 chilometri ad una profondità massima di 2.140 metri, che collegherà la piattaforma galleggiante JSM. Le attività a mare saranno svolte dal mezzo posatubi di nuova costruzione Castorone in diverse finestre temporali a partire dal primo trimestre del 2013.
Il contratto rappresenta la prima assegnazione per il Castorone, la nuova nave posatubi attualmente in costruzione. Il Castorone è progettato per la posa di condotte di largo diametro fino a 60 pollici (incluso il rivestimento del tubo), avrà una lunghezza di 330 metri e una larghezza di 39 metri e sarà equipaggiato con un sistema di posizionamento dinamico DP3.
In Kazakhstan, Saipem ha acquisito da Agip KCO l’estensione del contratto ‘Kashagan Piles and Flares’ per l’installazione del sistema di infrastrutture marine nell’ambito della fase sperimentale di sviluppo del giacimento Kashagan.
Il contratto, che è stato esteso fino a dicembre 2011, prevede la fabbricazione, l’assemblaggio, il trasporto e l’installazione dei pali di sostegno delle strutture marine e delle fiaccole, oltre all’installazione di 14 module
barge1. Sono inoltre inclusi l’approvvigionamento, la fabbricazione e l’installazione delle relative strutture di ormeggio, di protezione e di interconnessione tra le strutture.
I lavori a mare saranno eseguiti dal mezzo navale di costruzione Ersai 1. I pali, le fiaccole e altre strutture saranno fabbricati nel cantiere di Kuryk in Kazakstan, di proprietà della Ersai, di cui Saipem detiene il 50%.