• Articolo , 4 maggio 2011
  • Salini in pole position per il progetto idroelettrico di Alvito in Portogallo

  • All’apertura delle offerte economiche presentate per la realizzazione del progetto idroelettrico di Alvito, Salini Costruttori risulta “lowest bidder”, superando alcuni tra i maggiori colossi europei del settore e società leader nel mercato locale. Il progetto, commissionato dal gruppo energetico portoghese Energias de Portugal (EDP) per un valore di circa 235 milioni di Euro, è situato […]

All’apertura delle offerte economiche presentate per la realizzazione del progetto idroelettrico di Alvito, Salini Costruttori risulta “lowest bidder”, superando alcuni tra i maggiori colossi europei del settore e società leader nel mercato locale.

Il progetto, commissionato dal gruppo energetico portoghese Energias de Portugal (EDP) per un valore di circa 235 milioni di Euro, è situato sul fiume Ocreza, nel Portogallo centrale.

La componente principale è rappresentata dalla costruzione di una diga alta quasi 90 metri ed un volume di circa 660.000 m3, da realizzarsi in calcestruzzo, una centrale in caverna, che accoglierà una pompa-turbina di 225MW (impianto reversibile) e circa 10 km di tunnel idraulici.

Salini Costruttori è associato con la Edifer, una primaria impresa portoghese.
Commentando il positivo esito di questa prima fase, l’AD Pietro Salini dichiara: “Siamo fieri di questo risultato ottenuto in ambito europeo che conferma ulteriormente la competitività della Società nel settore idroelettrico e testimonia il successo del nostro processo di internazionalizzazione e l’apertura di nuovi mercati.”

Con un portafoglio commesse pari a 14,6 miliardi, di cui l’83% all’estero e il 17% in Italia e oltre 13.000 addetti in 40 paesi del mondo, il Gruppo Salini dimostra la straordinaria capacità di rafforzare la propria presenza sui mercati esteri.