• Articolo , 17 maggio 2007
  • Sardegna: centro di ricerca sul solare

  • Si concretizza l’ipotesi di realizzare in Sardegna un centro avanzato sul fotovoltaico. L’iniziativa, nata dalla collaborazione della regione e della Fondazione Alferov, necessità però di investimenti del mondo istituzionale ed industriale

Continua il cammino della regione sarda verso un maggiore utilizzo di energia da fonti rinnovabili: dopo la creazione del Centro di Competenze per le Energie Rinnovabili (responsabile il fisico Franco Meloni) comincia a prendere forma il centro di ricerche avanzate sull’energia solare, voluto dal governatore Soru. In un incontro con il russo Zhores Alferov, premio Nobel per la fisica nel 2000, Soru ha riaffermato il proprio convincimento nell’attuare scelte strategiche sulle rinnovabili, supportato dalle dichiarazioni dello scienziato russo: “Questo sarà il secolo dell’energia solare – ha detto Alferov – perchè non inquina e perchè conviene economicamente”. Il Nobel russo ha poi aggiunto che la Sardegna è il luogo ideale per lo sviluppo di tecnologie solari: il clima è ottimo e le scelte politiche vanno nel verso giusto. Da qui la firma di un primo accordo con Sardegna Ricerche (ente regionale che gestisce il parco scientifico Polaris) per studiare le possibilità ed i necessari passaggi per la nascita di questo centro avanzato. “Attualmente nel fotovoltaico l’Italia importa pannelli dall’estero – ha dichiarato Giuliano Murgia, presidente di Sardegna Ricerche – mentre grazie alla collaborazione con Alferov, l’isola potrebbe diventare un centro di studio e produzione (…). Ma occorre che lo stato centrale ed il sistema produttivo industriale investano”. (fonte L’Espresso.it)