• Articolo , 22 febbraio 2008
  • Sbloccati 20 mln per il solare termodinamico

  • Si insedia oggi nella sala Europa del ministero dell’Ambiente il pool di esperti guidati dal premio Nobel Carlo Rubbia con il compito di promuovere e diffondere le nuove fonti rinnovabili con particolare riferimento al solare a concentrazione

Si era tenuta lo scorso 3 dicembre, la presentazione della task force, istituita dal Ministro dell’Ambiente Pecoraro Scanio per la diffusione delle fonti rinnovabili in Italia ed in particolare del solare termodinamico a concentrazione. Presieduta dal professor Carlo Rubbia, consulente del Ministro per le fonti rinnovabili, la commissione si è stabilita oggi nella sala Europa del Ministero per incominciare a predisporre un piano di sviluppo e di coordinare le attività contenute dei protocolli d’intesa sottoscritti con le regioni italiane. “Dando seguito a quanto previsto della legge Finanziaria ho firmato oggi il decreto che sblocca 20 milioni per il solare termodinamico e altri 20 milioni per le altre energie rinnovabili”- ha annunciato il ministro dell’Ambiente, intervenuto alla riunione d’apertura – “Chiederò inoltre al ministro dello Sviluppo economico, Pierluigi Bersani la piena collaborazione per portare a termine l’iter del decreto di incentivazione per questa tecnologia amica dell’ambiente”. Il premio Nobel Rubbia ha dichiarato che “saranno immediatamente avviate le attività di collaborazione con gli enti di ricerca, le imprese del settore e le amministrazioni locali per la realizzazione di una prima serie di impianti nelle regioni interessate”. Calabria, Lazio e Puglia sono state le prime regioni a sottoscrivere i protocolli d’intesa con il Ministero dell’Ambiente per dare il via ad un vero e proprio piano per la diffusione di questa tecnologia, candidandosi ad ospitare i primi progetti pilota di impianti per la produzione di energia solare.