• Articolo , 8 ottobre 2010
  • Scozia: “carota e non bastone”, così aumenta la quota di differenziata

  • Buoni sconto in bolletta per i cittadini che riciclano. Con questa tecnica già sperimentata in Inghilterra due compagnie vogliono alzare il livello della raccolta differenziata e del riciclaggio sul territorio scozzese

(Rinnovabili.it) – Due compagnie scozzesi, la Veolia Environmental Services e la RecycleBank puntano ad aumentare il target della differenziata sul territorio proponendo diverse metodologie con il solo scopo di alzare il livello di gestione virtuosa dei rifiuti. In cambio i cittadini potrebbero ottenere, oltre ad un ambiente più pulito e salubre, dei vaucher del valore di alcune sterline in base a quanto potrà essere riciclato tra i rifiuti consegnati, arrivando a risparmiare fino a 135 sterline l’anno sulla tassa per la spazzatura.
Procedendo per raggiungere una quota di riciclato pari 50% nel 2013 per poi provare ad arrivare al 70% entro il 2025, le società hanno proposto durante la conferenza Scottish Waste & Resources, svoltasi ieri a Glasgow, di applicare al riciclaggio domestico l’approccio _carrot-not-the-stick_ che letteralmente sta per “la carota e non il bastone”. Il piano consiste nell’aiutare le autorità locali a gestire al meglio il problema dei rifiuti suggerendo metodologie funzionali di riciclaggio dei materiali.
Gli schemi proposti dalla RecycleBank sono stati precedentemente lanciati a Halton e a Windsor&Maidenhead, borghi in cui i progetti hanno riscosso un notevole successo e in cui la percentuale di quanto riciclato grazie alla condotta esemplare dei cittadini è salita rispettivamente del 60 e del 35 per cento stimolata dalla possibilità di ottenere, a seconda del quantitativo di rifiuti ben gestiti, risparmio economico fino a 135 sterline l’anno.