• Articolo , 20 maggio 2010
  • Scozia: eolico e biomasse, ed il mix è subito green

  • Fondi stanziati per l’eolico off-shore e le biomasse, progetti volti alla genenrazione di enenrgia e alla riduzione delle emissioni con l’intenzione di raggiungere gli obiettivi sottoscritti a livello europeo

(Rinnovabili.it) – Il Governo scozzese ha approvato il piano proposto dalla Crown Estate per la costruzione di 10 parchi eolici off-shore. Avendo individuati 25 siti per lo sviluppo potenziale il programma fa da apri pista a un’ulteriore tornata di investimenti, il Round 3 Project, da portare avanti entro il 2030.
Nel *Draft Plan for Offshore Wind Energy in Scottish Territorial Waters*, piano di sviluppo incentrato sullo sfruttamento delle acque territoriali pubblicato ieri dal governo,
si legge: _“Non ci sono impatti ambientali che non possano essere evitati o ridotti mediante la pianificazione e lo sviluppo”_. A tal proposito Richard Lochhead, segretario scozzese all’Ambiente, ha esortato le parti interessate a procedere partecipando alle consultazioni, cercando così di trovare la migliore soluzione possibile per lo sviluppo dell’eolico off-shore scozzese _“Siamo impegnati a fornire il necessario sostegno per un settore energetico d’avanguardia, in Scozia, e promuovere un’economia a basse emissioni di carbonio”_ ha aggiunto il segretario.
Il governo ha assegnato oggi ulteriori 1,1 milioni di sterline come contributo per lo sviluppo di 16 progetti incentrati sulla biomassa denominato *Biomass Heat Scheme* _“che aiuterà una vasta gamma di aziende a ridurre le emissioni e i costi, garantendo nel contempo posti di lavoro ‘green’”_ ha detto il ministro dell’energia Jim Mather.