• Articolo , 12 novembre 2010
  • Seoul G20: i governi sostengano le tecnologie pulite

  • Il _Summit G20_ di Seoul ha invitato i paesi industrializzati a investire sulle tecnologie pulite e perseguire lo sviluppo sostenibile, tramite una partnership col settore privato. Inoltre gli stessi paesi dovrebbero adottare misure congiunte per la riduzione delle emissioni.

(Rinnovabili.it) – E’ calato il sipario sul quinto meeting dei venti paesi più industrializzati al mondo, ovvero il _“G20 Seoul Summit”_. All’evento hanno partecipato, oltre ai capi di governo, anche centoventi uomini d’affari provenienti da paesi del G20. Tra i temi in agenda c’era l’incentivazione dello sviluppo sostenibile.

Il _Summit_ ha raccomandato ai governi avanzati e quelli in via di sviluppo di intraprendere azioni a sostegno del settore privato, che si occupi delle tecnologie energetiche pulite. E’ stato sottolineato come queste tecnologie siano ancora in una fase iniziale e che i prezzi relativi ad alcuni materiali siano ancora troppo eccessivi. In tal senso spesso le fonti rinnovabili sarebbero offuscate dalla dispendiosità di questi materiali, che aumenterebbero la competitività dei combustibili fossili.

Secondo gli amministratori delegati delle aziende leader di tecnologia pulita, un modo per colmare il divario tra energia fossile ed energia rinnovabile è l’eliminazione dei sussidi e degli aiuti al comparto dei combustibili fossili. Si auspica che i governi creino una sorta di partnership col settore privato per lo sviluppo delle fonti di energia pulita. Inoltre gli stessi paesi dovrebbero tracciare una linea comune per la riduzione delle emissioni di CO2.

Infine il _Summit_, per ciò che concerne il comparto energetico, ha chiesto ai governi di trovare un’unità per le questioni regolamentari, incluse le norme internazionali per le energie rinnovabili, le tecnologie a basso carbonio, le tariffe, le barriere commerciali e la tutela dei diritti di proprietà.