• Articolo , 5 luglio 2010
  • Shell Eco-Maraton Uk, da “Apollo” nuovo record per il PoliMi

  • Nuovo primato per il prototipo a energia solare “Apollo” presentato alla Shell Eco-Maraton Uk dal team“mecc-SUN” del dipartimento di meccanica del Politecnico di Milano

(Rinnovabili.it) – Un altro risultato da record per il team italiano “mecc-SUN” del Politecnico di Milano nella Shell-Eco Maraton UK Youth Challenge che si è svolta lo scorso 29 e 30 giugno a Rockingham. Il dipartimento di meccanica del Polimi è riuscito, infatti, a incassare un altro risultato da primato con il prototipo a energia solare Apollo, dopo il successo assoluto negli Stati Uniti a Huston lo scorso marzo. Apollo è riuscito infatti a ottenere il minore consumo di sempre nelle competizioni della Shell Eco-marathon, pari a circa 7.070 km/litro se il prototipo fosse stato alimentato a benzina. Il prototipo del team del Politecnico di Milano ha confermato, quindi, di avere delle caratteristiche davvero importanti potendo percorrere circa 796 chilometri con un chilowattora. Dati che hanno consentito a questo prototipo italiano di scalzare dalla vetta del record mondiale di percorrenza con un chilowattora la francese Solar Car Solutions che aveva ottenuto nel 2009 sul circuito tedesco di Lausitz il risultato di 665 chilometri.
Un risultato entusiasmante per il team – supportato dalla Fondazione Politecnico di Milano e dalla Facoltà di Ingegneria Industriale dell’Ateneo milanese – che, proprio per un forte spirito di squadra e per l’attenzione a una esperienza formativa di questo genere, ha scelto di partecipare anche all’edizione inglese della manifestazione all’insegna della mobilità sostenibile. La Shell-Eco Maraton ha l’obiettivo di coinvolgere giovani progettisti e studenti di formazione tecnica perché sviluppino nuovi approcci per una mobilità sostenibile. Il principio della Shell Eco-Marathon è progettare e costruire un veicolo che utilizzi la minor quantità di carburante per percorrere la maggiore distanza possibile, producendo il minor tasso di emissioni. L’obiettivo del progetto non è battere i record di velocità o essere i primi a tagliare il traguardo, ma consumare la minore quantità di carburante possibile in una distanza prestabilita.
Il nuovo prototipo del Politecnico di Milano è frutto di un impegno costante del team che, in linea con lo spirito della Shell Eco-Marathon, ha lavorato per costruire un veicolo che utilizzi la minor quantità di energia per percorrere la maggiore distanza possibile, producendo il minor tasso di emissioni.